Libia: Tripoli sceglie Roma per la ricostruzione


Il nuovo Governo di transizione libico si aspetta il massimo sostegno da parte delle aziende italiane per la ricostruzione e la messa in sicurezza del Paese

Gerardo Pelosi Gerardo Pelosi
Inviato de Il sole 24 ore dal 1990.

Il nuovo Governo di transizione libico si aspetta il massimo sostegno da parte delle aziende italiane per la ricostruzione e la messa in sicurezza del Paese

Libia-Italia
Il Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio a Nicosia, Cipro, 9 marzo 2021. REUTERS/Yiannis Kourtoglou

Senza le forze militari turche l’assedio di Haftar a Tripoli sarebbe proseguito per altri mesi, ma non sembra affatto scontato che le richieste di Ankara per un adeguato dividendo della pace in termini di nuovi accordi economici vengano soddisfatte. Un recente viaggio delle autorità di Tripoli ad Ankara ha prodotto un accordo per l’ampliamento dell’aeroporto Mitiga di Tripoli, un progetto faraonico per uno scalo in grado di ospitare fino a 50 milioni di passeggeri l’anno. Ma la Ministra degli Esteri del nuovo Governo di transizione, Najla Al-Mangoush, avvocato, ricercatrice universitaria in America sulla costruzione della pace in aree di conflitto, nella sua missione di giovedì e venerdì scorso a Roma ha tenuto a rassicurare tutti i Ministri, da Di Maio a Giorgetti a Lamorgese, sulle reali intenzioni del Governo guidato da Abdelhamid Dbeibha.

Gli accordi economici

Le aziende italiane, ha chiarito Al-Mangoush, giocheranno un ruolo centrale per il completamento dei progetti già avviati (dall’autostrada costiera al nuovo aeroporto di Tripoli) e per i progetti futuri su digitale, energia e reti, start-up per giovani imprenditori. La conferma viene dal co-Presidente della Cecil (Commissione economica congiunta italo-libica), il sottosegretario agli Esteri Manlio di Stefano.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende