spot_img

In Libia il Covid accelera la normalizzazione


Libia: Serraj e Saleh ordinano il cessate-il-fuoco immediato. Il Ministro della Difesa italiano Guerini fa sapere che Roma è vicina a Tripoli, che teme un'eccessiva presenza turca

Libia: Serraj e Saleh ordinano il cessate-il-fuoco immediato. Il Ministro della Difesa italiano Guerini fa sapere che Roma è vicina a Tripoli, che teme un’eccessiva presenza turca

Libia: Serraj e Saleh ordinano il cessate-il-fuoco. Un membro dell'Esercito nazionale libico, comandato da Khalifa Haftar, siede in una tenda a ovest di Sirte, Libia, 19 agosto 2020. REUTERS/Esam Omran Al-Fetori
Un membro dell’Esercito nazionale libico, comandato da Khalifa Haftar, siede in una tenda a ovest di Sirte, Libia, 19 agosto 2020. REUTERS/Esam Omran Al-Fetori

La crescita della pandemia da Covid-19 (nelle ultime 24 ore 395 nuovi contagi e 9.463 casi totali) ha accelerato il processo della normalizzazione in Libia già avviato dopo la sconfitta militare del generale Haftar. Venerdì, il Presidente del Parlamento di Tobruk, Aguila Saleh, che si propone sempre di più come “padre della patria” ha chiesto a tutte le parti di “osservare il cessate-il-fuoco immediato e fermare tutte le operazioni militari in tutta la Libia”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img