spot_img

Linguaggi – Turchi, Curdi e tre lettere dell’alfabeto


Il governo turco propone di rendere legale l’uso delle lettere q, w, x.

Il governo turco propone di rendere legale l’uso delle lettere q, w, x.

Tra le proposte avanzate dal governo turco nella trattativa in corso con la minoranza curda c’è una curiosa riforma dell’ortografia: si propone infatti di estendere l’alfabeto in uso nel Paese anche alle lettere q, x, w. La proposta, inserita in un “pacchetto per la democrazia” presentato il 30 settembre scorso, è stata annunciata dal Primo ministro Recep Tayyip Erdoğan in una conferenza stampa trasmessa in diretta televisiva; da allora la piccola riforma dell’alfabeto ha iniziato il suo percorso parlamentare.

La notizia ha lasciato perplessi alcuni commentatori occidentali: ma è veramente così importante, si sono chiesti, parlare di lettere dell’alfabeto? E perché di ciò dovrebbero occuparsi il governo e il parlamento? E come mai l’argomento ha un peso nella questione nazionale curda?

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine