spot_img

Liu Xiaobo in libertà vigilata, se «ammette la colpa»


Il New York Times ha pubblicato un articolo relativo a Liu Xiaobo, forse il dissidente cinese più famoso all'estero, arrestato nel 2008 per «sovversione di Stato» e premio Nobel per la pace. Secondo il quotidiano americano Liu Xiaobo potrebbe anche uscire dal carcere prima della fine della pena (è condannato a 11 anni). Ma deve pentirsi.

Il New York Times ha pubblicato un articolo relativo a Liu Xiaobo, forse il dissidente cinese più famoso all’estero, arrestato nel 2008 per «sovversione di Stato» e premio Nobel per la pace. Secondo il quotidiano americano Liu Xiaobo potrebbe anche uscire dal carcere prima della fine della pena (è condannato a 11 anni). Ma deve pentirsi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo