Lo sviluppo africano passa per l’energia pulita


L’Africa sub-sahariana sta registrando un cospicuo aumento di investimenti nell’energia pulita e proseguendo su questa strada potrebbe emanciparsi dalla sua dipendenza energetica, che da sempre costituisce uno dei principali ostacoli al suo sviluppo.

L’Africa sub-sahariana sta registrando un cospicuo aumento di investimenti nell’energia pulita e proseguendo su questa strada potrebbe emanciparsi dalla sua dipendenza energetica, che da sempre costituisce uno dei principali ostacoli al suo sviluppo.

 

Africa’s largest solar photovoltaic power plant located in Mauritania. Photo Credit: Clement Tardif

Gli ultimi dati a riguardo giungono da un’analisi della società di ricerca Bloomberg New Energy Finance che rileva la realizzazione di impianti fotovoltaici e mini eolici per 1,8 GigaWatt (GW) di capacità totale, entro la fine del 2014.

Una quantità non eccessiva rispetto agli standard mondiali, ma che in un solo anno raddoppia il numero di infrastrutture per la produzione di energia pulita installate nella macro-regione tra il 2000 e il 2013. Il rapporto stima inoltre (escludendo i grandi impianti idroelettrici) che l’Africa sub-sahariana sta operando investimenti in rinnovabili per 5,9 miliardi di dollari, in calo del 4,85% rispetto allo scorso anno, ma con una previsione di crescita pari a 7,7 miliardi per il 2016.

I ricercatori prevedono che il principale mercato per produzione su larga scala di elettricità proveniente da energie rinnovabili per il periodo 2014-16 sarà quello del Sudafrica con 3,9 GW, gran parte dei quali sarà generata dall’eolico, seguito dal solare fotovoltaico e da una quota minore di solare termico.

Sullo sviluppo delle fonti verdi sudafricane, ci sono anche da segnalare le previsioni contenute in una recente ricerca condotta da Frost & Sullivan, secondo cui il contributo energetico delle rinnovabili in Sudafrica passerà dall’1% del 2012 al 12% del 2020.

Una previsione basata in gran parte sull’adozione del Renewable Energy Power Purchase Agreement (Reippp), il piano governativo che punta a incrementare di 3.725 MW la capacità installata nelle fonti rinnovabili nel Paese, entro il 2016.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img