spot_img

Ma il Far East russo tifa Cina e Giappone


Il lembo più orientale della Russia asiatica, l'Eor, doveva diventare il Far West del XXI Secolo. Così non è stato, almeno finora. L'economia della regione dipende più dagli investimenti giapponesi e dai transfrontalieri cinesi che dalle politiche di Mosca. Le élite politiche locali parlano di indipendenza, ma forse non ci credono nemmeno loro e puntano semplicemente a drenare maggiori risorse dalla Russia.

Il lembo più orientale della Russia asiatica, l’Eor, doveva diventare il Far West del XXI Secolo. Così non è stato, almeno finora. L’economia della regione dipende più dagli investimenti giapponesi e dai transfrontalieri cinesi che dalle politiche di Mosca. Le élite politiche locali parlano di indipendenza, ma forse non ci credono nemmeno loro e puntano semplicemente a drenare maggiori risorse dalla Russia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione