spot_img

Mali, le ragioni del disimpegno di Parigi


I successi militari dell’operazione antiterrorismo a guida fran­cese e l’azione delle altre truppe europee non sono riusciti a fermare l’espansione dei gruppi jihadisti nel Sahel

Marco Cochi Marco Cochi
Da due decadi giornalista, blogger e ricercatore con focus sull'Africa sub-sahariana.

I successi militari dell’operazione antiterrorismo a guida fran­cese e l’azione delle altre truppe europee non sono riusciti a fermare l’espansione dei gruppi jihadisti nel Sahel

Lo scorso 10 giugno, il Presidente francese Emmanuel Macron ha indetto una conferenza stampa per annunciare la necessità di dare corso a un graduale ritiro dell’operazione antiterrorismo Barkhane, che dal primo agosto 2014 ha integrato l’operazione Serval in Mali e l’operazione Épervier (presente in Ciad dal 1986).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali