Mali, la Francia manda avvertimenti alla Russia


Per la Francia la presenza di mercenari russi del gruppo Wagner nel Sahel alimenterebbe il rischo di destabilizzazione regionale e danneggerebbe gli interessi francesi nella lotta al terrorismo islamista

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

Per la Francia la presenza di mercenari russi del gruppo Wagner nel Sahel alimenterebbe il rischo di destabilizzazione regionale e danneggerebbe gli interessi francesi nella lotta al terrorismo islamista

Il vertice di Parigi tra i Ministri degli Esteri e della Difesa francesi e le loro controparti russe è servito alla Francia per mandare diversi avvertimenti alla Russia. Sull’Ucraina, innanzitutto: riferendosi ai movimenti di truppe verso la frontiera, Jean-Yves Le Drian e Florence Parly hanno detto che Mosca deve astenersi dal compromettere nuovamente l’integrità territoriale di Kiev (nel 2014 c’era stata l’annessione della Crimea) o subirà “gravi conseguenze”. Sulla Bielorussia e sulla crisi dei migranti al confine con la Polonia, invece, i due hanno chiesto a Mosca di richiamare all’ordine il regime di Alexander Lukashenko, dipendente dal Cremlino.

La risposta russa, affidata al Ministro degli Esteri Sergej Lavrov e a quello della Difesa Sergej Shoigu, si è focalizzata sul Mar Nero e sui movimenti delle forze aeree e navali della Nato: manovre che Mosca dice di percepire come aggressive e sfidanti (così le ha definite ieri anche il Presidente Vladimir Putin).

Uscendo invece dal quadrante europeo, Parly e Le Drian hanno detto a Lavrov e a Shoigu di giudicare “inaccettabile” lo schieramento di mercenari russi del gruppo Wagner nel Sahel, una regione dell’Africa occidentale: in Mali, più precisamente. Uno schieramento che, secondo i Ministri francesi, alimenterebbe “rischi di destabilizzazione regionale” e danneggerebbe “gli interessi della Francia e dei suoi partner coinvolti nella lotta contro il terrorismo nel Sahel”.

L’importanza del Mali

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran