EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Mar cinese meridionale: prove di guerra tra Usa e Cina

Indietro

Gli Usa hanno schierato due nuovi portaerei nel Mar cinese meridionale. Ma Pechino non ha intenzione di rinunciare al dominio su acque così strategiche

Gli Usa hanno schierato due portaerei nel Mar cinese meridionale. La Marina degli Stati Uniti a bordo del cacciatorpediniere missilistico di classe Arleigh Burke USS Kidd durante un rifornimento in mare nell'Oceano Pacifico, 27 gennaio 2020. Marina americana/Nuzzi via REUTERS 

La Marina degli Stati Uniti a bordo del cacciatorpediniere missilistico di classe Arleigh Burke USS Kidd durante un rifornimento in mare nell’Oceano Pacifico, 27 gennaio 2020. Marina americana/Nuzzi via REUTERS

La marina militare americana ha fatto sapere questo venerdì di aver schierato nuovamente due portaerei – la USS Nimitz e la USS Ronald Reagan – nel Mar cinese meridionale. La presenza delle navi non ha niente a che vedere con la politica, precisa la U.S. Navy, ma risponde all’impegno americano per un Indo-Pacifico libero e aperto e per un ordine internazionale basato sulle regole.

Le parole di Pompeo

Nonostante quanto affermato nel comunicato, in realtà lunedì c’è stata – da parte degli Stati Uniti – una dichiarazione politica molto forte. Il segretario di Stato Mike Pompeo ha definito “completamente illegali” le rivendicazioni della Cina sul Mar cinese meridionale, appoggiandosi a una sentenza del 2016 del tribunale dell’Aia che aveva appunto rigettato le pretese di Pechino nell’area.

La dichiarazione di Pompeo è importante per tanti motivi. Innanzitutto perché Washington non aveva mai preso una posizione formale così forte sulla questione. Poi perché contribuisce ad alzare il livello dello scontro con Pechino, già molto articolato (tocca il commercio, il primato tecnologico, le organizzazioni multilaterali, Hong Kong e non solo). Infine, perché riafferma la centralità del Mar cinese meridionale nella geopolitica degli Stati Uniti.

L’importanza del Mar cinese meridionale

Il Mar cinese meridionale è una porzione dell’oceano Pacifico dalla grande importanza strategica: è ricca di risorse naturali (petrolio, gas, pesci) e per le sue acque passa circa un terzo del commercio globale. È una zona molto “calda” e militarizzata perché sono tante le nazioni – Brunei, Cina, Filippine, Indonesia, Malaysia, Taiwan, Vietnam – che ne rivendicano delle parti.

Pechino, in particolare, considera come propria un’area (la cosiddetta “linea dei novi punti”) pari a circa il 90% del Mar cinese meridionale. Gli altri Paesi del sud-est asiatico coinvolti nelle dispute accusano la Cina di voler imporre la propria sovranità attraverso metodi aggressivi: trivellazioni, costruzione di isolotti artificiali, speronamenti.

Nel 2016 una sentenza del tribunale dell’Aia ha stabilito che le rivendicazioni di Pechino sul Mar cinese meridionale sono in contrasto con la convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare e che pertanto sono prive di una base legale.

Ma la Cina non ha intenzione di rinunciare al dominio su acque tanto fondamentali per il commercio e la navigazione verso l’Asia orientale: controllare il Mar cinese meridionale farà di Pechino un attore ancora più potente nella regione.

Cosa vogliono gli Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono preoccupati dalle mire di Pechino e sono militarmente presenti nel Mar cinese meridionale per garantirne la libertà di navigazione e, in prospettiva, stroncare l’ascesa della Cina a potenza marittima.

Mercoledì Pompeo ha detto che l’America sosterrà diplomaticamente le nazioni che accusano la Cina di aver violato le proprie rivendicazioni marittime o territoriali. La frase, che va a unirsi a quanto dichiarato due giorni prima, sembra segnalare l’intenzione dell’amministrazione Trump di voler essere molto più presente nella regione in funzione anti-cinese.

Ma potrebbe anche trattarsi – come scrive il New York Times – soltanto di annunci dalle poche conseguenze concrete. E non è scontato che i Paesi del sud-est asiatico accettino di unirsi a Washington nella sfida a Pechino.

@marcodellaguzzo

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA