Marcos, la morte virtuale di un mito “No Global”


Un po’ impostore e un po’ rivoluzionario, il Subcomandante del Chiapas appende passamontagna e “ologramma”.

Un po’ impostore e un po’ rivoluzionario, il Subcomandante del Chiapas appende passamontagna e “ologramma”.

 

Quando nella notte del 25 maggio inizia a pronunciare le parole – poetiche e melanconiche – del suo lungo discorso su Radio Insurgente, non ci si aspettava che il mitico Subcomandante Marcos avrebbe annunciato la sua morte. E tantomeno la sua rinascita.
 
Solo il giorno prima, il leader messicano dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) era riapparso in pubblico dopo cinque anni di silenzio: a cavallo, passamontagna nero e pipa in bocca, l’occhio destro coperto da una benda da pirata con l’effige di un teschio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img