Marina Jarre si racconta: «Io, scrittrice ebrea e lettone»


Della scrittrice ebreo-valdese è appena uscito il romanzo Neve in Val d’Angrognache apre la nuova collana di narrativa dell’editrice Claudiana. È la drammatica epopea di una comunità di montanari nelle impervie valli valdesi del Piemonte sabaudo, piccolo avamposto protestante nel secolo della Controriforma. . La storia dei valdesi nel Seicento è una storia di dolore, deportazioni, massacri e fughe che presenta diverse analogie con quella degli ebrei. Vittime di rpressione e persecuzioni da parte dei poteri civili e religiosi, sono tornati in possesso dei loro diritti solo dopo traversie indicibili. Ma Marina Jarre è anche altro.

Della scrittrice ebreo-valdese è appena uscito il romanzo Neve in Val d’Angrognache apre la nuova collana di narrativa dell’editrice Claudiana. È la drammatica epopea di una comunità di montanari nelle impervie valli valdesi del Piemonte sabaudo, piccolo avamposto protestante nel secolo della Controriforma. . La storia dei valdesi nel Seicento è una storia di dolore, deportazioni, massacri e fughe che presenta diverse analogie con quella degli ebrei. Vittime di rpressione e persecuzioni da parte dei poteri civili e religiosi, sono tornati in possesso dei loro diritti solo dopo traversie indicibili. Ma Marina Jarre è anche altro.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia