spot_img

Masayoshi Son vuole creare un mondo «smart» entro il 2030


All’ultimo Mobile World Congress di Barcellona, conclusosi il 2 marzo scorso, Masayoshi Son, presidente e ad del gruppo tecnologico e di telecomunicazioni giapponese Softbank, ha rivelato alla platea la sua «vision», un futuro dominato dall’intelligenza artificiale.

All’ultimo Mobile World Congress di Barcellona, conclusosi il 2 marzo scorso, Masayoshi Son, presidente e ad del gruppo tecnologico e di telecomunicazioni giapponese Softbank, ha rivelato alla platea la sua «vision», un futuro dominato dall’intelligenza artificiale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Dal mito alla storia, ecco la vera anima del Giappone: il “kokutai”

La crisi del Mediterraneo arabo