spot_img

Rinunciare al petrolio è possibile? – IL LIBRO


Carbone, petrolio e gas ci hanno portati dove siamo ora. Dobbiamo cambiare energia e ripartire da eolico e solare. Non sarà facile né indolore. Lo spiega Massimo Nicolazzi nel suo libro "Elogio del petrolio"

Non si può capire quello che sarà senza conoscere quello che fu. Da quando siamo comparsi nella savana, noi sapiens abbiamo continuato ad addomesticare energia: dalla caccia e la raccolta di bacche siamo passati alla coltivazione e all’allevamento, modificando cereali e animali secondo necessità. Abbiamo imparato a domare (più o meno) la terra, l’acqua, il vento e il sole per crescere e muoverci, anche tra gli oceani. Abbiamo cambiato convertitori, dal bue che traina l’aratro al mulino.

Non è stato un percorso lineare, né è sempre stato progresso. Da quando però la macchina ha incontrato la fonte fossile, è stata “velocità pura”. Carbone, petrolio e gas ci hanno portati dove siamo ora. Ma adesso dobbiamo distaccarcene, per il bene nostro e del pianeta. Eolico e solare, dunque: ce ne eravamo emancipati; vi stiamo tornando, in modi nuovi. La transizione verso le rinnovabili è un imperativo ma non sarà né facile né indolore: ci sono tecnologie da far maturare e costi da ammortizzare.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

La guerra tra Israele e Iran

In Sudan si combatte da un anno esatto

Spagna: i golden visa e la crisi abitativa

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo