Matic: diciamo grazie alla solidarietà internazionale


Il direttore di Radio B92 spiega come la radio sia riuscita a resistere, ai tempi di Milosevic, alla pressioni e alle minacce percorrendo la strada dell’indipendenza della parola. Che, in questi 17 anni, ha fatto dell’emittente un movimento improntato alla dichiarazione dei diritti umani. Riconosce il ruolo positivo e talora determinante svolto dall’opinione pubblica mondiale. Continua sui suoi passi e avverte che la Serbia non è ancora diventata un Paese pienamente democratico.

Il direttore di Radio B92 spiega come la radio sia riuscita a resistere, ai tempi di Milosevic, alla pressioni e alle minacce percorrendo la strada dell’indipendenza della parola. Che, in questi 17 anni, ha fatto dell’emittente un movimento improntato alla dichiarazione dei diritti umani. Riconosce il ruolo positivo e talora determinante svolto dall’opinione pubblica mondiale. Continua sui suoi passi e avverte che la Serbia non è ancora diventata un Paese pienamente democratico.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img