spot_img

La commedia italiana


Nonostante le differenze tra i nostri due Mattei, Renzi e Salvini, un punto in comune ce l'hanno: addossare colpe all'Europa. Ma forse, non si deve ricominciare proprio da Bruxelles per rilanciare il nostro Paese?

Il leader della lega Matteo Salvini parla ai media dopo le consultazioni con il Presidente italiano Sergio Mattarella a Roma, Italia, 28 agosto 2019. REUTERS/Ciro de Luca

Nonostante le differenze tra i nostri due Mattei, Renzi e Salvini, un punto in comune ce l’hanno: addossare colpe all’Europa. Ma forse, non si deve ricominciare proprio da Bruxelles per rilanciare il nostro Paese?

Avrei potuto intitolare questo fondo anche “La fine di Matteo 2”, riferendomi al leader della Lega, in continuità con il precedente Matteo, Renzi, che ha governato l’Italia per tre anni. Alcuni opinionisti, in effetti, avevano paragonato i due Mattei per stile retorico e aggressività, qualità che – i fatti lo confermano – consentono rapidissime ascese e producono però altrettanto rapide disfatte.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo