spot_img

Maxime Auchard: il boia dell’ISIS venuto dalla Normandia


(Parigi). “Un ragazzo pieno di gentilezza, pieno d’energia. Giocava assieme ai nostri figli. Ha la loro stessa età”. Così uno dei vicini di casa a Bosc-Roger-en-Roumois, piccolo villaggio dell’Eure di circa 3.200 abitanti, in Normandia, parla di Maxime Hauchard, identificato dalla prefettura di Parigi e successivamente dal ministro degli interni Bernard Cazeneuve come uno dei boia che compaiono in un video dell’ISIS in cui viene giustiziato l’ostaggio americano Peter Kassig ed un gruppo di 18 soldati siriani.

(Parigi). “Un ragazzo pieno di gentilezza, pieno d’energia. Giocava assieme ai nostri figli. Ha la loro stessa età”. Così uno dei vicini di casa a Bosc-Roger-en-Roumois, piccolo villaggio dell’Eure di circa 3.200 abitanti, in Normandia, parla di Maxime Hauchard, identificato dalla prefettura di Parigi e successivamente dal ministro degli interni Bernard Cazeneuve come uno dei boia che compaiono in un video dell’ISIS in cui viene giustiziato l’ostaggio americano Peter Kassig ed un gruppo di 18 soldati siriani.

Maxime Auchard alias Abu Abdallah al-Faransi - Photo www.ojihad.wordpress.com

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Rischi e sfide del Green Deal europeo

Corea del Sud, Cina e Giappone: miti e leggende