spot_img

«Mio padre era un falsario del bene»


A Parigi Adolfo Kaminsky non portava la stella gialla, ma i suoi documenti parlavano da soli. «Tutto era vietato agli ebrei», ricorda la figlia Sarah. Tra un arresto e un rilascio, le circostanze portarono Kaminsky a fabbricare la sua prima carta di identità. Fu l’inizio della sua vita da falsario di documenti, il più geniale e acuto del Novecento.

A Parigi Adolfo Kaminsky non portava la stella gialla, ma i suoi documenti parlavano da soli. «Tutto era vietato agli ebrei», ricorda la figlia Sarah. Tra un arresto e un rilascio, le circostanze portarono Kaminsky a fabbricare la sua prima carta di identità. Fu l’inizio della sua vita da falsario di documenti, il più geniale e acuto del Novecento.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione