EN

eastwest challenge banner leaderboard

ITALIA CHIAMA EUROPA

Il nuovo equilibrio strategico-elettorale delle vecchie emozioni

Indietro

Montenegro: l’opposizione festeggia la vittoria alle elezioni. Con una vertiginosa affluenza alle urne, la maggioranza dei montenegrini ha optato per il cambiamento

I sostenitori dell’opposizione filo-serba celebrano davanti alla Cattedrale della Resurrezione di Cristo a Podgorica, Montenegro, 31 agosto 2020. REUTERS/Stevo Vasiljevic

È il contesto religioso-pandemico che ha plasmato la narrativa della campagna elettorale di quest’anno in Montenegro, facendo leva sull’equilibrio stabilito tra la storia e il presente, la divisione etnico-religiosa e il principio di unità, dettato dal momento della crisi generale. E sono state la fatica e la necessità del tanto atteso cambio di regime, che ruota attorno alla questione religiosa, a diventare l’unico e comune denominatore degli orientamenti politico-nazionali e dei programmi elettorali dei partiti di opposizione apertamente contrastanti.

Il 30 agosto 2020, alle undicesime elezioni parlamentari dall’introduzione del multipartitismo e alle quinte dal ripristino dell’indipendenza nel 2006 – caratterizzate dal contenimento della pandemia che ha reso ancora più visibile il vantaggio istituzionale di alcuni corridori elettorali e, infine, una vertiginosa affluenza alle urne – la maggioranza dei montenegrini ha optato per il cambiamento. Secondo i risultati preliminari della Commissione elettorale nazionale – con il 32,55% dei voti a favore dell’alleanza filo-serba e filo-russa Per il futuro del Montenegro, guidata dal Fronte Democratico, insieme alla coalizione guidata dai Democratici La pace è la nostra nazione e la lista Nero su bianco di United Reform Action, che hanno ottenuto rispettivamente il 12,53% e il 5,53% dei voti – i tre principali partiti di opposizione hanno raggiunto la maggioranza necessaria di 41 mandati.

La vittoria ristretta dell’opposizione e le grandi discrepanze nei programmi e nell’orientamento dei partiti che la compongono, comportano tuttavia la necessità di riflettere su come, in caso di una sua eventuale formazione, un Governo così eterogeneo potrà trovare un terreno comune in termini di politica estera (in primis l’adesione alla Nato, il riavvicinamento con Serbia e Russia, la questione dell’indipendenza del Kosovo) nonché formulare una risposta unitaria ed efficiente alle sfide poste dalla crisi economica e sanitaria emergente. L’opposizione manterrà effettivamente le sue promesse elettorali formando un Governo esperto che possa consentire una transizione pacifica del potere e agire come una forza riformista che guida il Paese verso l’Ue? Avrà abbastanza conoscenza e forza per mettere da parte le divergenze interne nell’interesse del benessere pubblico e condurre il Paese verso una democrazia rappresentativa affidabile, una trasparenza istituzionale e un miglioramento generale dello Stato di diritto?

D’altra parte, con 40 possibili mandati in Parlamento (30 dei suoi, 8 vinti da partner tradizionali della coalizione e 2 acquisiti dal Partito social-democratico filo-montenegrino) e il signor Đukanović come Presidente in carica (sebbene notevolmente indebolito), il Dps continuerà sicuramente a svolgere un ruolo importante nella scena politica del Paese, osservando con attenzione e sfruttando le dispute tra i partiti di opposizione a favore del proprio programma.

I risultati delle elezioni parlamentari del 2020 rappresentano senza dubbio un riflesso chiaro della volontà del popolo di mettere in moto le tanto attese riforme socio-politiche e istituzionali, ma è anche un indicatore della mutevole mentalità politica dell’elettorato, che non ha più paura di dire no alla retorica demagogica e che, auspicabilmente, preferirà la costruzione della nazione e un’ulteriore democratizzazione della società alle divisioni.

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA