Mosca-Gerusalemme, andata e ritorno


La comunità di origine russa rappresenta ormai una componente di primo piano nella società israeliana e vuole assumere un ruolo sempre più rilevante. Attraverso l'azione del partito nazionalista Yisrael Beitenu sta spostando ancora più a destra l'asse della politica. Una storia fatta di ondate migratorie, dall'Urss prima e dalle sue macerie poi, che sta cambiando in parte il volto di un Paese che dell'assimilazione aveva fatto uno dei pilastri della costruzione sionista.

La comunità di origine russa rappresenta ormai una componente di primo piano nella società israeliana e vuole assumere un ruolo sempre più rilevante. Attraverso l’azione del partito nazionalista Yisrael Beitenu sta spostando ancora più a destra l’asse della politica. Una storia fatta di ondate migratorie, dall’Urss prima e dalle sue macerie poi, che sta cambiando in parte il volto di un Paese che dell’assimilazione aveva fatto uno dei pilastri della costruzione sionista.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran