spot_img

Il Mozambico tra gas e terrorismo jihadista


Secondo i dati dell'UNHCR, sono 700mila gli sfollati dopo l'aumento della violenza per mani dei jihadisti di al-Shabaab. E l'instabilità produce ripercussioni economiche

Marco Cochi Marco Cochi
Da due decadi giornalista, blogger e ricercatore con focus sull'Africa sub-sahariana.

Secondo i dati dell’UNHCR, sono 700mila gli sfollati dopo l’aumento della violenza per mani dei jihadisti di al-Shabaab. E l’instabilità produce ripercussioni economiche

Una donna nell’isola di Ibo a nord di Pemba, Mozambico, 1 maggio 2019. REUTERS/Mike Hutchings

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Anche la Germania e il Canada guardano al Pacifico

Dal mito alla storia, ecco la vera anima del Giappone: il “kokutai”

La crisi del Mediterraneo arabo