spot_img

Myanmar è sempre Myanmar


Schiacciata tra passato e futuro, la “nuova Birmania” tarda a emergere.

Schiacciata tra passato e futuro, la “nuova Birmania” tarda a emergere.

Sembrava una storia dove per il lieto fine bastava solo avere pazienza. Il Myanmar era passato in un lampo da mezzo secolo di dittatura paranoica e isolamento a inaspettate aperture che sembravano aver messo l’ex Birmania sulla strada dello sviluppo e delle libertà. Ma neanche tre anni dopo, di quell’iniziale euforia non c’è più traccia. La “nuova Birmania” sulla via per la democrazia si trova in mezzo a un guado, e non è chiaro che direzione prenderà.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione