spot_img

La Nato del futuro apre a Finlandia e Svezia, ma guarda anche all’Indo-Pacifico


Storico accordo trilaterale tra la Turchia e i due Paesi scandinavi, che segna la strada al loro ingresso nel Patto atlantico. Cina sempre più al centro dell’interesse dell'Alleanza. Polemica l’Ucraina: non ci vogliono

Matteo Meloni Matteo Meloni
Giornalista, è membro del comitato editoriale di eastwest. Si occupa di geopolitica di Medio Oriente e Nord Africa, Stati Uniti, rapporti tra Paesi Nato, di organizzazioni internazionali. Già Addetto Stampa al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha lavorato come Digital Communication Adviser alla Rappresentanza Italiana presso le Nazioni Unite a New York.

Storico accordo trilaterale tra la Turchia e i due Paesi scandinavi, che segna la strada al loro ingresso nel Patto atlantico. Cina sempre più al centro dell’interesse dell’Alleanza. Polemica l’Ucraina: non ci vogliono

Madrid diventa, ancora una volta, la città delle svolte storiche per la Nato, che già col summit del 1997 organizzato nella capitale spagnola aprì all’allargamento del Patto atlantico a Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia. A distanza di 25 anni, in un altro momento decisivo per l’Organizzazione e la comunità internazionale, l’Alleanza spiana la strada all’ingresso di Finlandia e Svezia, dopo le rassicurazioni offerte alla Turchia rispetto alle preoccupazioni di sicurezza nazionale di Ankara.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img