Nel Giardino dei Giusti c’è anche un arabo


Si chiamava Kahled Abdul-Wahab, era un arabo tunisino figlio di uno storico di grande fama. Quando, nel 1942, le leggi razziali arrivarono anche nella Tunisia occupata dai nazisti, salvò la vita a decine di ebrei. Morto nel 1997, ha ricevuto i più importanti riconoscimenti dal mondo ebraico. Lo ricorda in questa intervista esclusiva la figlia Faïza .

Si chiamava Kahled Abdul-Wahab, era un arabo tunisino figlio di uno storico di grande fama. Quando, nel 1942, le leggi razziali arrivarono anche nella Tunisia occupata dai nazisti, salvò la vita a decine di ebrei. Morto nel 1997, ha ricevuto i più importanti riconoscimenti dal mondo ebraico. Lo ricorda in questa intervista esclusiva la figlia Faïza .

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema