Nel mirino, l’industria del bene


La filantropia senza cuore può creare gli stessi problemi che dovrebbe risolvere.

La filantropia senza cuore può creare gli stessi problemi che dovrebbe risolvere.

 

Solo a guardare la classifica delle maggiori donazioni mai fatte ci si rende conto delle dimensioni di questa industria: il “guru” degli investimenti americano Warren Buffett ha da solo donato alla Fondazione di Bill e Melinda Gates oltre 30 miliardi di dollari in contributi pluriennali per la lotta alla povertà e alle principali malattie mortali (malaria, tubercolosi e Aids). Una cifra da capogiro, ben superiore al Prodotto Interno Lordo di molti Stati.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema