Nell’anno del Drago


A ottobre il Congresso del Partito comunista sancirà il cambio della guardia al vertice del potere a Pechino. Xi e Li, designati a diventare rispettivamente il nuovo presidente e il nuovo  premier, rappresentano le due anime contrapposte del Politburo cinese: da un parte i "principi rossi" conservatori, dall'altra i riformisti. Ma l'equilibrio fra le parti è un gioco delicato e dagli esiti tutt'altro che scontati.

A ottobre il Congresso del Partito comunista sancirà il cambio della guardia al vertice del potere a Pechino. Xi e Li, designati a diventare rispettivamente il nuovo presidente e il nuovo  premier, rappresentano le due anime contrapposte del Politburo cinese: da un parte i “principi rossi” conservatori, dall’altra i riformisti. Ma l’equilibrio fra le parti è un gioco delicato e dagli esiti tutt’altro che scontati.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img