spot_img

Nella Maison dei giornalisti esuli


Vengono dall’Asia, dall’Africa, ma anche dal Medio Oriente. In questo momento vengono soprattutto dall’Iraq. Nei loro Paesi svolgevano un lavoro gratificante, ma estremamente pericoloso: quello di informare l’opinione pubblica. Molti luoghi “caldi” del mondo si stanno svuotando dei loro reporter. Che, se tentano di rientrare nei loro Paesi rischiano, nel migliore dei casi, l’arresto. La Francia li accoglie e li aiuta a inserirsi in un mondo diverso dal loro.

Vengono dall’Asia, dall’Africa, ma anche dal Medio Oriente. In questo momento vengono soprattutto dall’Iraq. Nei loro Paesi svolgevano un lavoro gratificante, ma estremamente pericoloso: quello di informare l’opinione pubblica. Molti luoghi “caldi” del mondo si stanno svuotando dei loro reporter. Che, se tentano di rientrare nei loro Paesi rischiano, nel migliore dei casi, l’arresto. La Francia li accoglie e li aiuta a inserirsi in un mondo diverso dal loro.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione