EN

eastwest challenge banner leaderboard

Eastwest 77

Nessuna riconciliazione nei Balcani

Indietro

Il fallimento del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia sta proprio nel non avere contribuito a rendere giustizia a tutte le vittime.

Dopo venticinque anni di attività, il Tribunale penale internazionale per l’ex-Jugoslavia (TPIJ) si avvia al pensionamento. In attesa della sentenza definitiva a Ratko Mladic, il generale serbo-bosniaco accusato per il genocidio di Srebrenica, la riconciliazione tra i paesi che sono succeduti alla Jugoslavia sembra ancora lontana. Ma perché la responsabilità di questo fallimento viene spesso fatta ricadere proprio al tribunale speciale?

“Qualcuno dirà che questa è una sentenza contro il popolo serbo. Il mio ufficio rigetta nel modo più assoluto questa interpretazione. La colpa è di Mladic e sua soltanto” affermava Serge Brammertz, il procuratore capo del TPIJ, dopo la sentenza di primo grado che nel novembre 2017 ha condannato all’ergastolo il “boia dei Balcani”.

Per continuare a leggere, acquista il pdf del numero.

Per abbonarti, visita la nostra pagina abbonamenti.

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA