spot_img
Array

In Nicaragua i nipoti della rivoluzione possono rovesciare Ortega


[caption id="attachment_79695" align="alignnone" width=""]Un manifestante con il volto coperto durante una protesta contro il governo del presidente Nicaragua Daniel Ortega a Masaya, Nicaragua, 2 giugno 2018. REUTERS / Oswaldo Rivas[/caption]La repressione in Nicaragua è sempre più feroce, ma per gli Ortega le ore al potere potrebbero essere contate. «Anche vescovi e impresa li hanno abbandonati», spiega l’oppositore Héctor Mairena. E a guidare le proteste c’è «una generazione che sa che un tiranno si può abbattere»

Fabio Bozzato Fabio Bozzato

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati

Hai già un abbonamento PREMIUM oppure DIGITAL+WEB? Accedi al tuo account


- Advertisement -spot_img

L’ultima primavera araba

L’oro bianco è in America Latina

Slovenia, la protesta delle biciclette