spot_img

Le acque contese del Nilo


Attraversa dieci Stati garantendo sussistenza a buona parte del continente. L'annosa diatriba sulla gestione delle sue acque sembra giunta a un accordo

Attraversa dieci Stati garantendo sussistenza a buona parte del continente. L’annosa diatriba sulla gestione delle sue acque sembra giunta a un accordo

Operai a lavoro per costruzione della Grande diga del rinascimento etiope (GERD), iniziata nel 2011 vicino al lago Tana, la sorgente del Nilo Azzurro, a quindici chilometri dal confine sudanese. REUTERS/Tiksa Negeri

Nell’Antico Egitto il fiume Nilo era divinizzato col nome di Hapi Moou e grandi templi erano stati eretti per celebrare la sua miracolosa inondazione, che ogni anno si rinnovava fecondando il territorio. All’epoca si credeva che il Nilo nascesse da una caverna, alimentata dall’oceano sotterraneo di Nun, formato dalle acque primordiali che avevano generato l’universo e sulle quali galleggiava il mondo intero.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali