Noi, umiliati e offesi ma non piegati


Aveva chiamato “talebani” gli intellettuali ex jugoslavi che fomentavano l’odio raziale: i giudici di Zagabria lo hanno ora condannato a cinque mesi di carcere per ingiuria e calunnia. Ma Predrag Matvejevic, coscienza critica di un’Europa senza frontiere, non arretra. E in questa intervista rilancia la battaglia contro la “democratura”, la caricatura della democrazia

Aveva chiamato “talebani” gli intellettuali ex jugoslavi che fomentavano l’odio raziale: i giudici di Zagabria lo hanno ora condannato a cinque mesi di carcere per ingiuria e calunnia. Ma Predrag Matvejevic, coscienza critica di un’Europa senza frontiere, non arretra. E in questa intervista rilancia la battaglia contro la “democratura”, la caricatura della democrazia

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img