EN

eastwest challenge banner leaderboard

Voto liquido e le altre notizie dall’Italia

Indietro    Avanti

29 gennaio 2018 – Le notizie della settimana in Italia

Voto liquido

Gli ultimi sondaggi (oggi domenica 28 gennaio) danno Centrosinistra (28%), Centrodestra (37%) e 5 Stelle (27%) stabili, con questi ultimi primo partito, seguiti da PD (24%) e Forza Italia (16%). Le liste minori si collocano tutte tra l’1 e il 2%, al momento. La situazione, a meno di 24 ore dalla chiusura definitiva delle liste, però, sembra super-liquida, in quanto nessuna delle formazioni principali sembra entusiasmare i propri sostenitori.

È quindi immaginabile che una campagna ben orchestrata possa alterare significativamente queste previsioni. Dopo le giornate de “chi la spara più grossa”, siamo ora alla rincorsa del commento equilibrato, europeista per forza, quasi paludato…

Mi aspetto novità nei sondaggi già dalla prima settimana…

ECONOMIA: canone Tv più basso d’Europa

La RAI è prima in classifica tra le emittenti nazionali nel 2016, per ricavi, grazie all’inserimento del canone nella bolletta dell’elettricità.

Il tasso di evasione del canone RAI è passato dal 30% al 6% nel 2016 e ha portato la Rai prima in classifica, superando Sky per poco. Il settore radio e tv rappresenta lo 0.5% del Pil italiano. Dopo una crisi di alcuni anni, il settore è in ripresa dal 2014.

In Italia, il mercato televisivo è concentrato in 5 grandi gruppi: Rai, Sky, Mediaset, Discovery, La7. I primi tre operatori raggiungono insieme il 90% dei ricavi del settore e il 76.2% degli ascolti. Gli ultimi due – Discovery e La7 – sono invece i più solidi a livello finanziario. La Rai effettua meno della metà degli investimenti delle tv pubbliche (a canone) di Francia e Regno Unito.

Il business “calcio” parla spagnolo

Troppo basse le offerte televisive in Italia, il calcio della Serie A italiana rischia di finire alle emittenti spagnole.

Nel mercato italiano, i colossi sembrano non volersi fare concorrenza, si spalleggiano nel dumping. La Lega calcio ha fissato la soglia minima di 1 miliardo di euro per i diritti del triennio 2018/2021, ma le offerte delle grandi emittenti italiane (allineate) – Sky e Mediaset – si sono attestate non oltre la soglia degli 830 milioni. Più alta l’offerta di MediaPro spagnola e la Lega è pronta a valutarla. Le italiane – Sky in testa – intendono ora rilanciare la posta…

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati


Hai già un abbonamento PREMIUM oppure DIGITAL+WEB? Accedi al tuo account




GUALA