spot_img

Nuova aristocrazia comunista


La Lega dei giovani comunisti cinesi è il vivaio da cui provengono funzionari e leader del Partito. Chiama-ti spregiativamente "bottegai" dai "principi rossi", figli dei padri della patria, rappresentano però ormai una potente corrente, considerata più sensibile verso le riforme sociali. Il presidente uscente Hu considera la Lega un suo feudo politico: da qui proviene il prossimo premier Li e forse anche la maggioranza del futuro establishmentdel Partito. Dipende dai rapporti di forza che si stabiliranno dopo il Congresso di ottobre.

La Lega dei giovani comunisti cinesi è il vivaio da cui provengono funzionari e leader del Partito. Chiama-ti spregiativamente “bottegai” dai “principi rossi”, figli dei padri della patria, rappresentano però ormai una potente corrente, considerata più sensibile verso le riforme sociali. Il presidente uscente Hu considera la Lega un suo feudo politico: da qui proviene il prossimo premier Li e forse anche la maggioranza del futuro establishmentdel Partito. Dipende dai rapporti di forza che si stabiliranno dopo il Congresso di ottobre.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali