spot_img

Quanto costa un’Olimpiade?


L’analisi costi/benefici di un’Olimpiade è territorio di grandi dispute. Ma c’è qualcosa che non si può mettere sul piatto della bilancia: la fresca felicità dei Giochi Olimpici

L’analisi costi/benefici di un’Olimpiade è territorio di grandi dispute. Ma c’è qualcosa che non si può mettere sul piatto della bilancia: la fresca felicità dei Giochi Olimpici

Il giorno più imbarazzante nelle competizioni per ospitare un’Olimpiade fu probabilmente il 7 novembre del 1970. Nel maggio precedente, il Comitato olimpico internazionale aveva assegnato i Giochi Olimpici invernali del 1976 alla città di Denver, Colorado. In fondo, si sarebbe trattato di un doppio anniversario da celebrare degnamente: non solo i duecento anni dell’indipendenza degli Stati Uniti, anche un secolo dalla nascita del Centennial State, appunto il Colorado. Quel 7 novembre, però, gli elettori non erano di buonumore e, preoccupati dai costi della manifestazione e dal probabile impatto ambientale, respinsero l’iniziativa. La prima e unica volta che una città vinceva il contest e rifiutava l’assegnazione. L’imbarazzo, però, non terminò quel giorno.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo