spot_img

Ombre cinesi su Taiwan


Il graduale riavvicinamento fra Taipei e Pechino sembra inarrestabile, preludio di una prossima riunificazione. Intensi scambi commerciali e delocalizzazioni in Cina di molte aziende taiwanesi rappresentano un segnale tangibile del rinnovato interesse reciproco. Eppure i sondaggi dicono che la maggioranza degli abitanti dell’isola non approvano questo pro-getto politico. E anche gli Stati Uniti remano contro, perché temono di perdere un partner strategico nell’area.

Il graduale riavvicinamento fra Taipei e Pechino sembra inarrestabile, preludio di una prossima riunificazione. Intensi scambi commerciali e delocalizzazioni in Cina di molte aziende taiwanesi rappresentano un segnale tangibile del rinnovato interesse reciproco. Eppure i sondaggi dicono che la maggioranza degli abitanti dell’isola non approvano questo pro-getto politico. E anche gli Stati Uniti remano contro, perché temono di perdere un partner strategico nell’area.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione