Ombre di guerra sul “giardino nero” del Caucaso


Trema la fragile tregua armata tra Azerbaijan e Armenia per il Nagorno-Karabakh.

Trema la fragile tregua armata tra Azerbaijan e Armenia per il Nagorno-Karabakh.

ABaku, la capitale azera, tenere a bada i falchi è sempre più difficile. “Quest’anno il bilancio azero è di 28 miliardi di dollari. Di questi, 3 miliardi sono stati destinati all’acquisto di armi, più dell’intero bilancio armeno.” A vantare il vantaggio militare del proprio Paese nei confronti del Paese nemico non è il Ministro della Difesa, bensì il placido Presidente del fondo sovrano azero, Shahmar Movsumov.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img