spot_img

Oms: il Covid non è uscito da un laboratorio di Wuhan


La notizia dell'Oms mette fine a speculazioni e potenziali accuse. Arriva l'annuncio di Facebook: stop a fake news sul vaccino. Ma c'è dell'altro

Martino Mazzonis Martino Mazzonis
Giornalista e ricercatore, è autore di Come cambia l’America (con Mattia Diletti e Mattia Toaldo, 2009) e di Tea party (con Giovanni Borgognone, 2011).

La notizia dell’Oms mette fine a speculazioni e potenziali accuse. Arriva l’annuncio di Facebook: stop a fake news sul vaccino. Ma c’è dell’altro

Una strada addobbata per le celebrazioni del capodanno lunare a Wuhan, provincia di Hubei, Cina, 8 febbraio 2021. REUTERS/Aly Song

Un pangolino! No, un pipistrello! Macché, un virus fuoriuscito per errore da un laboratorio cinese. Ma va, un virus portato dall’America in un laboratorio cinese in maniera che si potesse imputare ai cinesi la colpa della pandemia. Neppure, il virus in realtà è chiaramente italiano, non ricordate quell’influenza del 2019 che nessuno sapeva spiegare? E invece no, se decidiamo di credere ai 12 giorni di lavoro degli ispettori dell’Oms che hanno visitato il Wuhan Institute of Virology per verificare l’ipotesi che il virus fosse uscito da uno dei loro laboratori, il virus è emerso nella regione ma il passaggio dai pipistrelli agli umani, il salto di specie, non è avvenuto in quel centro di ricerca.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali