La resistenza svedese e l'Europa contro Orban

Il voto svedese ci dà qualche speranza sulla resistenza europea, mentre quello su Orban prefigura le alleanze in vista delle elezioni di maggio

Il leader del partito democratico svedese Jimmie Akesson parla della serata elettorale al ristorante Kristallen nel centro di Stoccolma, in Svezia, il 9 settembre 2018. TT News Agency / Anders Wiklund / via REUTERS
Il leader del partito democratico svedese Jimmie Akesson parla della serata elettorale al ristorante Kristallen nel centro di Stoccolma, in Svezia, il 9 settembre 2018. TT News Agency / Anders Wiklund / via REUTERS

La resistenza svedese

Alla fine la temuta vittoria dell’ultra destra non c’è stata. In Svezia, le elezioni che dovevano segnare il tracollo dei social democratici hanno riservato meno sorprese del previsto. Il partito anti-immigrati degli Svedesi Democratici raggiunge il 17,6%, è stato votato da uno svedese su sei, ma non arriva a quel 25% che molti sondaggi lasciavano prevedere.

I socialdemocratici, in forte calo rispetto alle ultime consultazioni, ottengono il 28,4 e, nonostante la perdita di 12 seggi, rimangono comunque il primo partito di Svezia. I Moderati si attestano intorno al 19,8% e sono la seconda forza, mentre avanzano i partiti minori: gli ex comunisti ottengono il 7,9%, il partito di Centro e i Cristiano Democratici rispettivamente l’8,6 e il 6,4%. Come è già successo di recente in Belgio, Spagna, Germania e Italia, anche per la Svezia si apre una lunga fase di trattative.

Il Primo ministro Stefano Lofven, che non si è dimesso dopo la batosta elettorale, invita gli altri partiti alla responsabilità per formare un governo forte in grado di arginare gli estremismi. La politica svedese è abituata ai governi di minoranza ma l’esito della negoziazione è abbastanza imprevedibile al momento: da una parte c’è il Partito della sinistra, i Verdi e i Socialdemocratici, dall’altra l’Alleanza di centrodestra con il Partito di centro, i Liberali,  i Democratici cristiani e i Moderati. Tutti gli occhi, sono puntati sui Democratici svedesi, che potrebbero fare la differenza, anche se più o meno tutti nella coalizione conservatrice hanno escluso prima delle elezioni un’alleanza con l’ultra destra. La strada che la Svezia sceglierà sarà importante anche per l’Europa: i fuochi della Swexit e gli slogan contro i migranti hanno tenuto banco anche qui.

Unione Europea - L’Europa contro Orban

Il Parlamento europeo ha approvato il 12 settembre la richiesta di attivazione dell'articolo 7 del Trattato dell'Ue contro l'Ungheria, per avere violato “i valori fondanti dell’Unione europea”, infrangendo diritti fondamentali in materia di migranti, costituzione e libertà civili. Il testo è stato approvato con 448 voti a favore, 197 contrari e 48 astenuti.

Il Trattato di Lisbona prevede due diverse procedure: la prima è una misura preventiva (articolo 7.1) che prevede un avvertimento formale per gli Stati che violino i princìpi fondamentali dell’Ue, la seconda (articolo 7.2) è per le sanzioni, se la violazione è già avvenuta. Per l’attivazione delle sanzioni previste dall’articolo 7.2, che coinvolgono tra le altre cose la revoca del diritto di voto del paese membro, il voto deve essere espresso all’unanimità.

Nel caso dell’Ungheria il Parlamento ha votato per l’attivazione dell’articolo 7.1. che richiede la maggioranza dei 2/3. Adesso la palla passerà al consiglio europeo.

Una situazione simile non si era mai presentata, il che la dice lunga su dove sia arrivata l’Europa e sullo scontro tra forze liberali e illiberali.

Le prossime elezioni politiche europee saranno fondamentali per definire l’idea stessa di Europa, a partire dalla sua cornice politico-istituzionale, e il voto al Parlamento europeo lascia già intuire quali saranno le alleanze in campo, che rischiano anche di spaccare tradizionali famiglie politiche, come i popolari, di cui fa parte Orban ma non Salvini... (a proposito, sarà interessante vedere come voterá il Governo italiano in Consiglio, visto il voto opposto di Lega, al fianco di Orban, e 5 Stelle...).

Seguiremo gli sviluppi.

@GiuScognamiglio

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA