eastwest challenge banner leaderboard

Rohith Vemula: gli studenti protestano, la polizia mena

Dal sucidio di Rohith Vemula si sono moltiplicate, in tutto il paese, manifestazioni di studenti universitari che hanno protestato davanti ai luoghi simbolo dell'estremismo hindu e al ministero presieduto da Smriti Irani, che aveva sollecitato l'amministrazione universitaria di Hyderabad a prendere provvedimenti di sospensione nei confronti di Vemula e altri quattro attivisti dalit. La reazione delle forze dell'ordine, ancora una volta, è stata violentissima, e da giorni circolano video che non fanno onore alla democrazia indiana.

Uno, in particolare, è stato girato da uno studente durante le manifestazioni di sabato scorso qui a New Delhi, quando gli studenti hanno protestato pacificamente fuori dalla sede cittadina della Rashtriya Swayamsevak Sang (Rss), una delle sigle dell'ultrainduismo che negli ultimi tempi ha esteso la propria area d'azione in una serie di iniziative e attacchi generalmente ricondotti al «clima di intolleranza» in India: atteggiamenti discriminatori, anche violenti, contro la miriade di minoranze indiane tra cui musulmani, dalit, omosessuali, donne, indiani del nord est.

Durante la manifestazione la polizia ha improvvisamente aggredito gli studenti, caricandoli con lathi - i bastoni di legno d'ordinanza - calci e pugni: donne e uomini, indiscriminatamente.

{youtube}eFELbcha53E{/youtube}

In particolare, nel video si vede come alcuni uomini in borghese partecipino alle cariche dalla parte della polizia, senza che le autorità facciano nulla per fermarli. Secondo diversi studenti presenti, interpellati dai media locali, si tratterebbe di uomini della Rss. Ma la Rss non tiene un elenco di tutti propri affiliati, rendendo quindi impossibile l'eventuale identificazione.

La repressione della polizia è stata duramente criticata dal chief minister di New Delhi Arvind Kejriwal - caso unico in India: la polizia di New Delhi non è controllata dal governo locale (Aam Aadmi Party) ma da quello federale, guidato dal Bharatiya Janata Party (Bjp) - e da diversi attivisti in tutto il paese, che denunciano una sospetta connivenza di una parte del braccio della legge indiana con le sigle dell'estremismo hindu.

Si tratta di una tendenza generale e preoccupante, quella delle violenze della polizia contro gli universitari: storicamente le manifestazioni degli studenti avvengono in un clima duro ma mai violento. Ma negli ultimi anni l'impressione è che i governi - federale e locali - ritengano legittimo l'utilizzo della violenza da parte della polizia per sedare la dissidenza interna agli istituti universitari (era successo nel 2014 a Calcutta).

@majunteo

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA