Chi è Thierry Baudet, la nuova stella dell'estrema destra olandese

Giornalista e professore, il 34enne Baudet ha sostituito Geert Wilders nel cuore dei populisti olandesi, e oltre. Con lui il razzismo diventa scientifico e guadagna legittimità politica. Seduce anche i più ricchi proponendo la flat tax. E il suo partito sale al secondo posto nei sondaggi

Thierry Baudet. REUTERS/Cris Toala Olivares
Thierry Baudet. REUTERS/Cris Toala Olivares

L'Aja - In Olanda nessuno ricorda tanti giornalisti stranieri e tanta attenzione oltre confine per la politica locale come per le elezioni del 2017. Mentre mezzo mondo immaginava scenari per interpretare la sconfitta di Geert Wilders, la stampa olandese non si curava tanto del più noto islamofobo d’Europa ma era occupata con Forum voor Democratie, una formazione sovranista che aveva racimolato il minimo indispensabile per guadagnare i suoi primi due seggi in parlamento. Perché dare attenzione ad un micro-partito? Perché quel 17 marzo di un anno fa è avvenuto in Olanda un ricambio generazionale alla guida dell’ormai ampio bacino elettorale populista.

A fare il suo ingresso nell’arena nazionale è Thierry Baudet, 34 anni, giornalista e accademico anti-UE, ossessionato da alt-right, dal sovranismo, dalla cospirazionismo e dalla lotta alla partitocrazia (partij kartel, "cartello dei partiti" come dice lui) salito alla ribalta delle cronache dopo aver vinto nel 2016, con il comitato per il NO, il referendum contro il trattato Ue di associazione con l'Ucraina. Forum voor Democrazie era in realtà proprio quel comitato, diventato partito e oggi una macchina elettorale da guerra che i sondaggi accreditano come seconda formazione del Paese, alle spalle del Vvd di Mark Rutte.

L'ascesa del “nuovo Wilders” ricorda a molti quella di Geert ma con una marcia in più: non solo, a differenza del Pvv, faro degli ultimi della provincia e dei negletti della società, il Forum voor Democratie ruba consensi anche al Vvd, partito dei ricchi e delle multinazionali, sedotti dalla promessa di sostituire la progressività fiscale con una flat tax e di rimpiazzare i governi politici con una elitè di tecnici.

Professore di diritto all’Università di Leiden, ha sfruttato i suoi titoli accademici e la rispettabilità del suo background per accreditarsi, l’aspetto presentabile e la sfrontatezza nei modi hanno contribuito alla costruzione dell’immagine dell’eccentrico intellettuale conservatore. Da molti, in ambienti moderati e nei circoli culturali di destra, viene visto come il vero erede di Pim Fortuyn.

In questo senso la distanza con Wilders, fermo da anni ad insulti e provocazioni all’islam, è siderale. Forum voor Democratie e il suo fondatore rappresentano un salto di qualità per la destra populista: il razzismo è diventato scientifico. Cosi Baudet, sollevando un vespaio di polemiche, ha sostenuto di recente in un dibattito che il quoziente intellettivo degli olandesi sarebbe superiore a quello dei surinamesi. Chi lo dice? Stando a lui sarebbe il risultato di uno studio.

In poco più di un anno il volto pulito dell’erede di Wilders ha reso mainstream nel dibattito pubblico olandese - già avvelenato da anni di propaganda contro islam, rifugiati e società multietnica - le tesi shock dell’alt-right americana sui migranti e sulla superiorità della civiltà occidentale. E alle elezioni amministrative del 21marzo, è riuscito a far eleggere tre consiglieri comunali nella progressista Amsterdam. Un’impresa, se si pensa che Wilders non aveva mai osato avvicinarsi alla capitale.

A rappresentare il partito di Baudet ci sarà la controversa editorialista Annabel Nanninga, nota per gli insulti all'islam e per aver coniato l'agghiacciante definizione dobbernegger, "negro galleggiante”, per indicare i richiedenti asilo che attraversano il Mediterraneo.

Mentre il sistema politico-consociativo olandese, insomma, credeva un anno fa di essere impegnato a consegnare alla storia il populismo di Wilders, fatto di slogan e improvvisazione, in realtà stava solo assistendo all’ascesa della sua evoluzione. Credibile, organizzata e di gran lunga più pericolosa.

@msfregola

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA