eastwest challenge banner leaderboard

Otaku, il cosplay non è più da sfigati

Mezzo milione di persone erano attese lo scorso fine settimana a Makuhari, nella provincia di Chiba, a pochi chilometri da Tokyo. La cittadina costiera ha ospitato un evento mondiale particolare, il primo – a detta degli organizzatori – nel suo genere: un summit di otaku.

Photo credits http://www.thedailystar.net

 Otaku in giapponese significa “fanatico”, a tratti “sfigato”. È una parola ormai di uso comune anche in italiano. Tanto che il dizionario online Treccani riporta al lemma:

Giovane appassionato di fumetti e animazione giapponese che trascorre la maggior parte del proprio tempo in casa, dedicandosi in modo quasi ossessivo al collezionismo, ai giochi elettronici, a Internet, alle relazioni mediatiche a sfondo sessuale; relativo a tale fenomeno giovanile.

Seguono citazioni da articoli dei principali quotidiani italiani sul tema ormai sempre meno di nicchia e sempre più importante per almeno due fattori.
Dal punto di vista geopolitico, la diffusione della cultura pop giapponese – e relative sottoculture – in tutto il mondo sembra essere frutto di precise strategie di “localizzazione” promosse delle grandi aziende e delle corporation del settore media del Sol Levante e spesso sostenute dallo Stato. Il libro Recentering Globalization (2002) di Koichi Iwabuchi, docente di Media e Cultural Studies alla Monash University di Melbourne, con un passato da produttore della Nippon Television, aveva gettato luce su queste dinamiche in Asia.

“Il Giappone si trova su una formidabile riserva di soft power – scriveva negli stessi anni Douglas McGray su Foreign Policy – ma ha pochi mezzi per sfruttarlo”. Negli ultimi dieci anni l'impegno di Tokyo per promuovere all'estero fenomeni di cultura locale – ricorda Patrick St. Michel su The Atlantic – è stato surclassato da fenomeni come la Korean Wave o dalla rete capillare degli Istituti Confucio.

Negli ultimi anni, a dispetto dell'iniziativa ministeriale “Cool Japan”, molti prodotti culturali giapponesi sono diventati virali senza alcun intervento dall'alto del governo. St. Michel ricorda ad esempio i casi delle Babymetal o Kyaryu Pamyu Pamyu.

 {youtube}yzC4hFK5P3g{/youtube}


Ora, principalmente da quando Tokyo si è aggiudicata le olimpiadi del 2020, l'intento è di passare ad un piano operativo top-down. Tanto che da iniziativa molto vaga, il “Cool Japan” è diventato un fondo milionario a partecipazione pubblica per il sostegno alla promozione culturale – dai manga al cibo, dalla moda all'artigianato.

Il secondo punto riguarda l'evoluzione del nostro modo di consumare i “prodotti culturali”. Il boom del cosplay, uno delle colonne della cultura otaku contemporanea, ne è un esempio. Nel cosplay – crasi di “costume play” – i fan di una serie tv o di un film americani, di un manga o di un anime giapponesi, non sono solo consumatori passivi. La loro interpretazione del loro personaggio favorito prevede una fase di ricerca e di produzione artigianale. Una passione che non è più di nicchia e che unisce sempre più persone ai quattro angoli del mondo. E che vale la pena di conoscere meglio per far sparire l'etichetta di sfigati affibiata agli otaku.

{youtube}3R_k9WeZM_0{/youtube}

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA