Anti-Maidan, anatomia di un movimento che non esiste

Un sacco di gente per le strade di Mosca, chi dice 30, chi 40mila. Manifestavano contro qualcosa che non esiste, e per qualcosa che non esiste. I media li chiamano Anti-Maidan, ma la maggior parte di chi ha sfilato nella capitale russa non sapeva nemmeno perché si trovava lì.


 

“Perché sei qui oggi?”, chiede il giornalista di Dozhd TV a un ragazzo che ha preso parte alla grande manifestazione chiamata Anti-Maidan. “Mi ci ha costretto lui”, risponde indicando un suo amico. “Non voleva venire da solo”.  “E tu, perché sei qui?”. “Ce lo imposto il preside della facoltà. Cinque studenti per ogni corso, ha detto. Ci hanno messo assieme, ci hanno dato questi cartelli e siamo venuti qui”. “Ma almeno lo sai cosa c’è scritto?”. “Che i ladri devono stare in prigione, e poi c’è la foto mi pare di Navalny e qualcun altro”. “E tu sei d’accordo?”. “No”. “E allora, perché porti questo cartello?”. “Non so dove altro metterlo”.
Il “movimento” Anti-Maidan ha una crisi d’identità.

 

Diversificazione dell’offerta

Anti-Maidan semplicemente non esiste. Non è un movimento, non è una parte della società che manifesta per o contro qualcosa in cui crede, non è niente di paragonabile all’EuroMaidan di un anno fa a cui dice di volersi opporre. Anti-Maidan è la differenziazione del marchio, ma il prodotto – come il produttore – è sempre lo stesso.

Anti-Maidan è stata fondata a gennaio da Dmitry Sablin, membro della Duma noto per il suo caloroso supporto alla legge contro la “propaganda gay”. “Tutti i movimenti di piazza, tutte le ‘rivoluzioni colorate’ portano a bagni di sangue”, ha detto Sablin “E i bambini, le donne e i vecchi sono i primi a soffrire”.

Per farlo, Sablin si è servito dell’immagine di Alexander Zaldostanov, detto “il chirurgo”, capo della potente gang di motociclisti “Lupi della notte” e amico intimo di Putin. Zaldostanov è stato la star del circo mediatico che ha accompagnato l’annessione della Crimea. Sfilando alla testa dei suoi “lupi” motorizzati, ha consegnato la penisola a Putin e a tutti i Russi, come un vero conquistatore.
Ma fanno parte del “movimento” anche i Fratelli combattenti, un’associazione di veterani, e la Giovane guardia, il gruppo giovanile di supporto a Putin.

Un movimento che non esiste

Anti-Maidan non è un movimento popolare, ma un’organizzazione politica che si oppone ai movimenti di piazza spontanei. Ha un suo quartier generale, un suo comitato esecutivo e una base associativa, secondo l’agenzia Tass.
Ci opponiamo tutti insieme alle ‘rivoluzioni colorate”, al disordine nelle strade, al caos e all’anarchia”, si legge nel manifesto dell’organizzazione. E Sablin aggiunge che Anti-Maidan non userà la violenza, ma “in alcuni casi, se vedremo qualcuno dare fuoco a dei copertoni per strada, lo prenderemo noi stessi e lo consegneremo alla polizia”.

Il finto “movimento” Anti-Maidan si propone di fermare sul nascere i movimenti popolari in Russia sul tipo di EuroMaidan. Insomma, un qualcosa che non esiste nella realtà per combattere un pericolo che non esiste nella realtà. E come lo fa? Portando in piazza finti manifestanti intruppati.
Grigory Turmanov, giornalista del Kommersant, ha scritto di aver contato almeno 200 persona fuori della Casa dei sindacati in fila per ricevere i 300 rubli promessi per la partecipazione alla manifestazione, mentre Natasha Zotova della Novaya Gazeta ha filmato di nascosto il momento in cui lei stessa, spacciatasi per manifestante, ha ricevuto la somma. Il prodotto, come dicevo, è sempre lo stesso, e il produttore pure. La propaganda del Cremlino ha bisogno di diversificare la propria offerta per raggiungere ogni strato della popolazione. 

@daniloeliatweet

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA