eastwest challenge banner leaderboard

In Ucraina c’è la guerra, lo dice la Croce rossa internazionale

Mentre a Kiev la parata per il giorno dell’indipendenza riempiva la Khreshatik, a Donetsk i separatisti hanno fatto sfilare sotto le baionette e tra due ali di folla inferocita alcuni prigionieri di guerra ucraini. Nelle stesse ore il Comitato internazionale della Croce rossa lasciava trapelare la decisione di classificare formalmente la crisi ucraina a “conflitto internazionale”. Questo apre la strada al tribunale dell’Aja.

Non c’è da stupirsi se il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov non ha visto nulla di umiliante nella parata dei prigionieri di guerra a Donetsk. “Ho visto delle foto”, ha detto Lavrov “e non ci ho trovato niente che potesse definirsi un abuso”. Anche noi abbiamo visto delle foto, ma la pensiamo diversamente. I prigionieri ucraini sono stati fatti sfilare sotto la minaccia delle baionette dei miliziani. Visibilmente disorientati e spaventati, con le barbe lunghe, i soldati hanno dovuto sottostare alla gogna di due ali di folla inferocite che li insultavano. Il piccolo corteo era seguito da tre autobotti che in maniera teatrale hanno lavato la strada dopo il loro passaggio. Il fatto che sia i miliziani sia Lavrov considerino tutto questo adeguato al trattamento da riservarsi a dei prigionieri è solo un altro indizio della distanza che separa la Russia dall’Occidente. Né più e né meno del trattamento riservato in patria all’opposizione, alla comunità LGBT, alle religioni diverse dalla cristiano-ortodossa, alle minoranze etniche in Crimea, e così via.

READ MORE

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA