eastwest challenge banner leaderboard

E' la democrazia giudata, bellezza!

La scorsa settimana Forbes ha scelto Vladimir Putin come uomo più potente del mondo. Barack Obama è stato declassato a un umiliante secondo posto. Un grande shock per l'eccezionalità americana, ma non una grande novità.

 

Non è cambiato nulla

Nel 2007 anche il Time aveva nominato Putin personaggio dell’anno. A quel tempo il presidente russo era impegnato a casa propria in affari come garantire il suo futuro politico, centralizzare il potere e annientare l’influenza degli oligarchi sul Cremlino. Era l’uomo indispensabile per la Russia, l’unica figura che poteva agire come capo indiscusso del Cremlino.

Può sembrare che nulla sia cambiato negli ultimi anni, ma in realtà molte cose lo sono. Putin ha consolidato il suo controllo sulla Russia e ha fatto un grande balzo sulla scena mondiale, e chiunque abbia osservato la partita a scacchi sulla Siria ha una chiara idea dello spostamento dell’ago del potere verso Putin. Ma anche se la sua capacità di governare e controllare i poteri dello Stato non sembra essere diminuita, oggi il consenso di cui gode tra i russi è più modesto, perfino al di sotto del 50 % in un recente sondaggio. Nel 2007 la popolarità di Putin era alle stelle, era il leader nazionale, e non c’era nessuna valida alternativa, mentre oggi una rinvigorita opposizione gli è costantemente alle calcagna. Sei anni fa la Russia si definiva orgogliosamente una superpotenza energetica ed era in grado di usare petrolio e gas come efficace strumento politico, ma nel 2013 questa sembra già un’arma spuntata contro la riluttante Ucraina e potrebbe persino nascondere un enorme nervo scoperto, tanto da portare alcuni a dire che il predominio energetico di Mosca non è più così assiomatico.

Ecco perché la sua incoronazione in cima alla lista di persone più influenti del mondo mi ha fatto sorgere la domanda: quanto è potente veramente oggi Putin?

 

Il più potente (o il meno debole)

Commentando la scelta di Forbes Marco Galeotti, blogger ed esperto dei servizi di sicurezza della Russia, ha dichiarato: «Putin è in realtà molto più debole oggi a casa propria – e più debole non significa necessariamente debole – ma sicuramente si sta dimostrando molto efficace a livello internazionale: ha trionfalmente vinto la partita siriana e sta costruendo relazioni forti con la Cina, cosa che per lungo tempo ha rappresentato un problema. Ma siamo onesti, la ragione principale per cui Putin è stato messo al numero uno è che l’ex numero uno, Barack Obama, è oggi sensibilmente più debole». Non sono d’accordo con una tale conclusione (mentre sottoscriverei la prima parte del commento), e in realtà penso che sia un punto per Putin se Obama non è più sul gradino più alto del podio e lui – e nessun altro – ci è salito.

«Criticare Forbes per aver assegnato il secondo posto a Barack Obama dietro Vladimir Putin come uomo più potente del mondo significa confondere il potere degli Stati Uniti con quello del suo presidente», ha scritto Steve Forbes. «Gli Stati Uniti sono enormemente più forti della Russia sul piano economico e militare, non c’è alcun dubbio su questo. La nostra è una classifica di persone, non di Paesi». E questo è esattamente il punto.

 

Diversamente democratici

Se Putin ha ottenuto il punteggio più alto nel 2013, non è solo perché mostra sempre più spesso sulla scena mondiale i muscoli contro Obama (basti pensare al caso Snowden). Se è probabilmente l’uomo più potente al mondo oggi, così come negli ultimi anni, è soprattutto perché continua ad avere un potere smisurato in casa: nonostante la potenza economica e militare degli Stati Uniti, un complicato sistema di controlli governativi e contrappesi limita il ruolo di Obama, mentre l’autocrate Putin ha tuttora un controllo completo sulla Russia, vale a dire non solo sul potere esecutivo ma pure su quello legislativo, giudiziario ed economico. Ecco perché vorrei dire a chi si stupisce della notizia: «È la democrazia guidata, bellezza!»

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA