Il Libano lasciato solo sotto il peso dell'immigrazione siriana

La crisi siriana si è abbattuta anche sul Libano. Nel paese una persona su tre è un rifugiato, oltre un milione sono i richiedenti asilo in un territorio grande solo quanto il Kosovo. Salari bassi, affitti crescenti e aumento della vita affliggono già i palestinesi e gli stessi libanesi, il 25% della popolazione libanese era sulla soglia della povertà già da tempo e dal 2011 è diventata ancora più povera. I datori di lavoro licenziano i libanesi per assumere illegalmente rifugiati siriani che  costano meno. La crisi migratoria ha acuito le divisioni sociali all’interno del territorio libanese. Ma quali sono le condizioni di vita dei migranti in Libano?

REUTERS/Mohamed Azakir

Il Governo, secondo l’analisi del think tank tedesco Bertelsmann Stiftung,  vuole evitare la creazione di campi profughi e i rifugiati cercano di affittare degli appezzamenti di terra dove piantare le tende, così si formano accampamenti che variano tra le 2mila e le 350mila persone spesso vicino ai campi dove lavorano illegalmente . Altri trovano case di fortuna non ancora finite di costruire o vivono nei garages.  In generale, i richiedenti asilo sono costretti a mandare i propri figli a lavorare, le entrate che hanno sono scarse e ciò colloca la maggior parte di essi sotto il livello di povertà.  Il 90% dei siriani vive in comunità tra le più povere del Libano . Ai rifugiati siriani non è permesso lavorare: il 90% è in debito con i proprietari di casa e  circa la metà non è in grado di sostenersi e comprare il cibo senza assistenza esterna.

Quando i rifugiati sono anche bambini

Dati ancora più drammatici se si pensa che  i bambini sono 470mila di età compresa tra i tre e i quattordici anni. Meno della metà ha cominciato a frequentare la scuola e i restanti inizieranno durante l’estate, ma rimangono comunque troppi ostacoli  per una vita normale:  i minori spesso sono costretti a lavorare, le bambine a sposarsi presto. Non è permesso ai docenti siriani di esercitare la propria professione, le classi sono insufficienti e anche gli aiuti  finanziari sono scarsi. L’assistenza sanitaria è inadeguata: le Nazioni Unite coprono il 75% dei costi degli ospedali, ma il restante 25% è a carico dei rifugiati  che non sono in grado di pagare. I richiedenti asilo non registrati non hanno accesso alle cure sanitarie.

 Il Libano teme che i siriani come i palestinesi rimangano permanentemente nel paese e quindi è restio a destinare dei campi rifugiati ufficiali. Se fermati dalla polizia e trovati privi di un permesso di residenza , adulti e bambini rischiano di essere riportati indietro in Siria. Per questo motivo i bambini lavorano al posto dei genitori, perché così hanno meno probabilità di essere controllati. La drammatica conseguenza è che invece di recarsi a scuola i minori sono forzati a lavorare per paghe da fame. I rifugiati in Libano entrano così in un circolo vizioso di illegalità e povertà.

Il governo libanese, scrivono  gli autori dell’analisi, dovrebbe capire che sarebbe meglio rendere più accessibili i permessi di residenza perché è importante anche per le autorità essere a conoscenza di chi si trovi nel paese. L’Ue ha aumentato del 200% gli aiuti finanziari al Libano, il principale contribuente individuale è la Germania. Ma i conflitti locali , un’economia fragile e un governo debole fanno sì che il Libano si trovi in uno stato di stagnazione.

@IreneGiuntella

La crisi siriana si è abbattuta anche sul Libano. Nel paese una persona su tre è un rifugiato, oltre un milione sono i richiedenti asilo in un territorio grande solo quanto il Kosovo. Salari bassi, affitti crescenti e aumento della vita affliggono già i palestinesi e gli stessi libanesi, il 25% della popolazione libanese era sulla soglia della povertà già da tempo e dal 2011 è diventata ancora più povera. I datori di lavoro licenziano i libanesi per assumere illegalmente rifugiati siriani che  costano meno. La crisi migratoria ha acuito le divisioni sociali all’interno del territorio libanese. Ma quali sono le condizioni di vita dei migranti in Libano?

Il Governo, secondo l’analisi del think tank tedesco Bertelsmann Stiftung ( https://www.bertelsmann-stiftung.de/en/publications/publication/did/facts-on-the-european-dimension-of-displacement-and-asylum-lebanon/ ),  vuole evitare la creazione di campi profughi e i rifugiati cercano di affittare degli appezzamenti di terra dove piantare le tende, così si formano accampamenti che variano tra le 2mila e le 350mila persone spesso vicino ai campi dove lavorano illegalmente . Altri trovano case di fortuna non ancora finite di costruire o vivono nei garages.  In generale, i richiedenti asilo sono costretti a mandare i propri figli a lavorare, le entrate che hanno sono scarse e colloca la maggior parte di essi sotto il livello di povertà.  Il 90% dei siriani vive in comunità, tra le più povere del Libano . Ai rifugiati siriani non è permesso lavorare: il 90% è in debito con i proprietari di casa e  circa la metà non è in grado di sostenersi e comprare il cibo senza assistenza esterna.

Quando i rifugiati sono anche bambini

Dati ancora più drammatici se si pensa che  i bambini sono 470mila di età compresa tra i tre e i quattordici anni. Meno della metà ha cominciato a frequentare la scuola e i restanti inizieranno durante l’estate, ma rimangono comunque troppi ostacoli  per una vita normale:  i minori spesso sono costretti a lavorare, le bambine a sposarsi presto. Non è permesso ai docenti siriani di esercitare la propria professione, le classi sono insufficienti e anche gli aiuti  finanziari sono scarsi. L’assistenza sanitaria è inadeguata le Nazioni Unite coprono il 75% dei costi degli ospedali, ma il restante 25% è a carico dei rifugiati  che non sono in grado di pagare. I richiedenti asilo non registrati non hanno accesso alle cure sanitarie.

 Il Libano teme che i siriani come i palestinesi rimangano permanentemente nel paese e quindi è restio a destinare dei campi rifugiati ufficiali. Se fermati dalla polizia e trovati privi di un permesso di residenza , adulti e bambini rischiano di essere riportati indietro in Siria. Per questo motivo i bambini lavorano al posto dei genitori, perché così hanno meno probabilità di essere controllati. La drammatica conseguenza è che invece di recarsi a scuola i minori sono forzati a lavorare per paghe da fame. I rifugiati in Libano entrano così in un circolo vizioso di illegalità e povertà.

Il governo libanese, scrivono  gli autori dell’analisi, dovrebbe capire che sarebbe meglio rendere più accessibili i permessi di residenza perché è importante anche per le autorità essere a conoscenza di chi si trovi nel paese. L’Ue ha aumentato del 200% gli aiuti finanziari al Libano, il principale contribuente individuale è la Germania. Ma conflitti locali , un’economia fragile e un governo debole fanno sì che il Libano si trovi in uno stato di stagnazione.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA