L'Italia fa affari con il regime militare di al-Sisi

Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha concluso la sua visita di quattro giorni in Europa. Con i colloqui a Roma e Parigi, l'ex generale ha ottenuto il riconoscimento delle cancellerie europee dopo la visita a Mosca dello scorso inverno e i colloqui con il presidente Usa, Barack Obama, a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni unite a settembre.

Pope Francis and Egypt's President Abdel Fattah al-Sisi shake hands during a private audience at the Vatican November 24, 2014. REUTERS/Gabriel Bouys

Il suo obiettivo è stato di rafforzare le relazioni economiche, in particolare con l'Italia. Sisi era accompagnato da una task force di imprenditori e ha siglato una serie rilevante di accordi commerciali bilaterali. I contratti sottoscritti raggiungono i 500 milioni di dollari e prevedono nuovi investimenti italiani nell'economia egiziana. Il ministro degli Investimenti, Ashraf Salman ha parlato in particolare di un contratto con Italcementi, già ampiamente presente sul territorio egiziano, per progetti del valore di 150 milioni in innovazione nel settore energetico e 45 milioni per la costruzione di una fabbrica di pannelli solari. Lo scopo è di produrre 8 mila MW da fonti rinnovabili.

Tra terrorismo e Israele

Per due motivi verrà ricordata la tappa del viaggio di Sisi in Italia. Prima di tutto, negli incontri con Papa Bergoglio, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il premier Matteo Renzi, Sisi ha parlato di lotta al terrorismo. «Il terrorismo nella regione non va indebolendosi, ma fortificandosi e questo richiede una maggiore cooperazione con l'Italia», ha detto Sisi. In realtà, la responsabilità più grave di Sisi è proprio aver creato un modello, ideato da George Bush jr, di lotta dello Stato contro il terrorismo, secondo il quale gli islamisti sono tutti terroristi. Questo schema forzato ha motivato anche il golpe di Khalifa Haftar in Libia, la repressione di Netanyahu su Hamas, l'offensiva dei baathisti con lo Stato islamico (Isis) in Iraq contro il governo eletto di al-Maliki. Per questo, Sisi è la principale causa della nuova ondata terroristica che attraversa il Mediterraneo e non garantisce la stabilità, come invece le cancellerie di mezzo mondo fingono di credere.

La seconda notizia degna di nota è l'intervista rilasciata alla vigilia del suo viaggio alla stampa italiana in cui Sisi dice di voler «garantire la sicurezza di Israele», inviando forze di polizia in Palestina. L'uso strumentale della causa palestinese per allineare il Cairo sulle posizioni di Israele è ormai una costante della politica estera di Sisi che in patria ha falcidiato il tradizionale sostegno egiziano alla causa palestinese. In realtà, Sisi la scorsa settimana ha imposto per decreto la demolizione di case al confine con Gaza per stabilire una zona cuscinetto.

L'unica nota positiva è stata invece verso il Qatar, in seguito alla richiesta del re saudita Abdullah bin Abdulaziz al-Saud a porre fine al contenzioso in corso con Doha. Lo scorso 20 novembre è stato firmato un accordo tra Arabia saudita, paesi arabi del Golfo e il Qatar che ha portato a una riconciliazione dopo lo scontro di otto mesi fa che ha provocato il ritiro degli ambasciatori dei paesi della regione da Doha. Il Qatar nei mesi scorsi aveva espulso alcuni esponenti dei Fratelli musulmani dopo aver ampiamente sostenuto la Fratellanza in seguito al golpe del 2013.

Erdogan tuona contro Sisi

La sola voce fuori dal coro è stata quella del presidente turco Recep Tayyp Erdogan che ha chiesto al mondo di riconoscere la legittimità del golpista. «Non c'è alcun paese nella storia politica recente in cui tre mila persone siano state uccise in un solo giorno. E invece questo è successo in Egitto», ha detto Erdogan.

E così, incontrando Sisi, Renzi ha finto di non sapere che sta dando legittimità a un uomo con le mani che grondano di sangue. L’ex generale è l'ideatore del massacro di Rabaa al-Adaweya (2013) e coinvolto nelle morti dei mesi precedenti e successivi alle elezioni presidenziali del maggio 2014. Dal golpe, Sisi ha imposto una roadmap che ha condotto all'approvazione di una legge che ha messo il bavaglio alle proteste, di norme contro le organizzazioni non governative, sono centinaia i giornalisti nelle carceri egiziane, è impedito di fare politica negli atenei, le elezioni parlamentari sono state cancellate. In questi mesi centinaia di esponenti dei Fratelli musulmani sono stati condannati a morte, molte delle pene sono poi state commutate in ergastolo. Ieri, 78 bambini pro-Morsi sono stati condannati al carcere con pene tra i due e i cinque anni. E lo stesso Morsi rischia la pena di morte. 

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA