Le olimpiadi del terrore

Il presidente Vladimir Putin ha firmato lo scorso 3 novembre una nuova legge antiterrorismo. La legge ha lo scopo di dare maggiori poteri alla polizia contro i terroristi, in occasione delle Olimpiadi invernali di Sochi 2014, che avranno inizio nel mese di febbraio. La legge è stata approvata sia da entrambe le camere del Parlamento in tempi rapidissimi e con un voto unanime. Ma ci sono molti dubbi sulla sua conformità a un sistema di diritto.

 

 

Cosa c’è di nuovo?

La nuova legge impone pene detentive fino a 10 anni per coloro che si rendono colpevoli di ricevere un addestramento di tipo terroristico, cosa che non era previsto dalla legge precedente, e il risarcimento dei danni, inclusi i danni morali, alle vittime di atti di terrorismo . Allo stesso tempo, la legge prevede che coloro che sono coinvolti in questo tipo di formazione potrebbero essere esonerati da qualsiasi punizione se forniscono informazioni alle autorità .

Le autorità russe hanno usato la mano pesante contro i combattenti in Daghestan, ma il recente attentato suicida su un autobus nella città di Volgograd il 21 ottobre – in cui cinque persone sono state uccise e altre 32 ferite – sollevata sicurezza preoccupa prima dei Giochi.

Le olimpiadi invernali, che sono in programma per aprire il 7 febbraio, si svolgeranno a poche centinaia di chilometri dalla regione del nord del Caucaso, dove i ribelli stanno combattendo per instaurare uno stato islamico, e ci sono forti preoccupazioni circa le minacce alla sicurezza che potrebbero derivare da una recrudescenza degli attacchi terroristici in tutta la regione. Ma la vera novità è che la nuova legge obbliga anche «parenti e stretti collaboratori» dei sospetti terroristi a rimborsare le vittime degli attacchi terroristici dai danni che hanno causato.

Responsabilità oggettiva

È la prima volta che una legge rende i parenti dei terroristi responsabili per il solo legame con l’autore dell’attacco, senza alcun bisogno di essere personalmente coinvolti. «Pensiamo che si tratta di una forma molto importante di misure di prevenzione e di azione contro il terrorismo, perché così il terrorista sa che non sarà il solo a essere ritenuto responsabile, ma che lo saranno anche i suoi parenti», ha detto Nikolai Kovalyov, parlamentare ed ex capo dell’FSB (Servizio federale di sicurezza).

Tanya Lokshina, direttore di Human Rights Watch per la Russia, ha invece critiche contro la nuova normativa: «Il diritto internazionale vieta la responsabilità collettiva. Non esistono altri casi di responsabilità collettiva nella legge russa» , ha detto.

Lo scopo di questa legge è quello di rendere il terrorismo indigesto ai caucasici, che hanno in gran conto i legami familiari: i terroristi dovrebbero essere meno invogliati a commettere un attacco se tutti i danni, compresi i danni morali, saranno compensati «a scapito dei mezzi della sua famiglia, dei parenti e delle persone vicine», come dice la norma. Ciò significa che le loro mogli o mariti, figli, genitori o anche amici dovranno versare soldi o vedranno le loro proprietà sequestrate.

Ritorno agli anni 30

«Questo non è assolutamente normale. Si tratta di un ritorno agli anni 30, quando Stalin sosteneva la responsabilità collettiva per i crimini commessi», ha detto a Radio Free Europe Mairbek Vatchagayev, capo del Centro ricerche per il Caucaso. «Ancora una volta siamo al punto in cui Putin si considera un sostenitore di Stalin e dello stalinismo».

Quello che Vatchagayev suggerisce ma non dice chiaramente è che la legge, approvata con l’intento dichiarato di garantire la sicurezza durante i prossimi Giochi olimpici di Sochi, fa in realtà parte della linea di inasprimento del Cremlino nel Caucaso del Nord. Lo schema previsto dalla legge porta effettivamente su scala nazionale la stessa tattica che da tempo è in atto in Cecenia sotto il regime filorusso di Ramzan Kadyrov. La tattica di far pagare ai parenti ha reso la Cecenia «la repubblica più pacifica nella regione», in contrasto evidente col Daghestan e l’Inguscezia. E il Cremlino è pronto ad emulare questo successo a livello nazionale.

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA