eastwest challenge banner leaderboard

Ucraina über Alles

Il nuovo anno inizia in Ucraina con circa 15mila persone che marciano per le strade di Kiev. Anche se brandiscono le bandiere blu di un partito di opposizione e, in definitiva, protestano contro il governo e il loro presidente Viktor Yanukvich, la loro marcia passa lontano dalle piazze di Euromaidan.

 

 

Una questione di punti di vista

Attivisti e sostenitori del partito Svoboda hanno commemorato il loro leader, Stepan Bandera, il cui 105° compleanno avrebbe coinciso col giorno di Capodanno. Dire che Bandera è una figura che divide l’Ucraina è un eufemismo.

In Ucraina occidentale il suo nome è sinonimo di lotta per la libertà contro ogni occupante no ucraino, strade e piazze sono dedicate a lui e statue sono state erette negli ultimi anni dove Lenin e altri leader comunisti erano in piedi. Ma nella parte orientale e meridionale del paese Bandera è visto come un criminale di guerra che ha aiutato i nazisti a invadere la patria e perpetrare la loro brutalità durante la seconda guerra mondiale. Inoltre, quest’ultimo punto di vista è il più comune nel resto d’Europa. A titolo di esempio, recentemente la Fifa ha messo i simboli del movimento nella lista dei segni discriminatori, vietandone l’uso in tutte le partite internazionali.

Capire l’atteggiamento degli ucraini nei confronti di Bandera e cosa lui abbia rappresentato per la storia del paese, aiuta a capire meglio il paese stesso e anche chi c’è dietro il movimento di Euromaidan.

 

Un eroe e un traditore

Bandera è stato il leader dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN) e il fondatore dell’esercito di resistenza ucraino (UPA) negli anni ’30 e ‘40. Alla testa del suo esercito irregolare ha combattuto al fianco dei soldati nazisti contro i sovietici, vedendo in Hitler la strada per l’indipendenza dell'Ucraina, prima di essere rinchiuso lui stesso in un campo di concentramento.

La parte più controversa della storia è legata al coinvolgimento dell’UPA nella pulizia etnica di decine di migliaia di polacchi, ungheresi ed ebrei, tutte numerose minoranze che vivevano in Ucraina occidentale a quel tempo. Bandera è morto a Monaco di Baviera nel 1959, ucciso per ordine del KGB.

Cinquant’anni dopo la sua morte è stato decorato con la medaglia di Eroe dell’Ucraina dall’allora presidente Viktor Yushchenko, a meno di un mese dalla scadenza del suo mandato. Dopo le proteste delle lobby ebraiche e russe, il premio è stato annullato da un tribunale nel gennaio 2011 , sotto la presidenza di Viktor Yanukovich.

 

Euro- nazionalisti

Il partito Svoboda è una delle principali forze dietro le proteste Euromaidan. Gli altri partiti di opposizione hanno preso le distanze dalla marcia di mercoledì, dicendo che era una cosa estranea alle manifestazioni filoeuropee in corso nel centro di Kiev.

I manifestanti portavano torce che illuminavano il buio della notte di Kiev con una luce tremolante, indossavano l’uniforme di una divisione ucraina dell’esercito tedesco durante la seconda guerra mondiale, e cantavano «Ucraina über Alles».

E questo è uno dei più grandi paradossi di Euromaidan del modo in cui viene visto dal resto d’Europa: che le manifestazioni che sono viste come la forma più genuina di democrazia popolare sono fortemente promosse da un partito ultranazionalista macchiato di xenofobia, omofobia e negazionismo. Per Svoboda, che ha ottenuto la maggioranza dei voti in città come Leopoli, la vicinanza all’Europa è vista in chiave come nazionalista e antirussa, e non ha nulla a che vedere con i valori di cui l’Ue si fa portatrice. Ancora un altro elemento che divide, in un paese colpito da strabismo.

 

 

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA