Un’exit strategy per Euromaidan

Le dimissioni del primo ministro ucraino Mykola Azarov arrivano, dopo due mesi di disordini nel paese, all’inizio di una sessione di emergenza del parlamento. Azarov ha dichiarato di dimettersi a causa della minaccia per l’economia rappresentata da più di due mesi di disordini.



«Ai fini di creare ulteriori possibilità di compromesso sociale e politico, per la soluzione pacifica del conflitto, ho preso la decisione personale di chiedere al presidente ucraino di accettare le mie dimissioni dalla carica di primo ministro», ha scritto Azarov in una dichiarazione. «Durante la situazione di stallo, il governo ha fatto di tutto per una soluzione pacifica del conflitto», ha continuato. «Abbiamo fatto di tutto per non lasciare che si verificassero spargimenti di sangue, per impedire l’escalation di violenza, per non consentire la violazione di diritti umani. Il governo ha fatto in modo che l’economia e la sicurezza sociale funzionassero in condizioni estreme».

«NON È UNA VITTORIA», MA È QUELLO CHE LE SOMIGLIA DI PIÙ
«Non è una vittoria. È solo un passo alla vittoria», ha detto il leader del partito Udar e uno dei leader di spicco dell’opposizione, Vitali Klitschko.
Il 66enne Azarov , che ha guidato il governo da quando Yanukovich fu eletto nel 2010, è stato una figura influente e controversa sulla scena politica ucraina sin dall’indipendenza dall’Urss. È stato coinvolto in uno scandalo di corruzione ad alto livello quando, a capo dell’ufficio delle imposte sotto l’allora presidente Leonid Kuchma, la sua voce fu registrata da una guardia del corpo di Kuchma mentre si impegnava a utilizzare gli ispettori fiscali per intimidire gli avversari politici, durante gli ultimi due mesi di manifestazioni di Euromaidan, ha spesso definito i manifestanti come «terroristi» e, mentre una violenta repressione della polizia causava la morte di cinque manifestanti, non solo ha insistito a dire che i Berkut non hanno aperto il fuoco sulla gente, ma anche che non erano neppure armati, affermazione contraddetta da molti video disponibili su Internet.
Dall’inizio del Euromaidan, ha perso talmente credibilità che, in occasione del recente World Economic Forum di Davos, non è stato nemmeno invitato a partecipare a tutti gli incontri.

UNA STRATEGIA DI USCITA?
Secondo le opposizioni, le dimissioni di Azarov rimuovono una delle figure più disprezzate dopo Yanukovich stesso. Anche se in base alla costituzione le dimissioni del primo ministro comportano le dimissioni di tutto il governo, la mossa è ancora lontana dalle richieste dell’opposizione.
Nella sua ricerca di una strategia di uscita, Yanukovich ha incontrato ieri i tre leader dell’opposizione e ha deciso di revocare le controverse leggi anti-protesta che hanno messo Euromaidan a fuoco. Ma altri punti sono ancora sul tavolo, come l’amnistia proposta per i manifestanti arrestati: «Solo coloro che lasceranno piazza Indipendenza otterranno l’amnistia», ha detto Mykhailo Chechetov, un deputato del Partito delle Regioni al governo. Un compromesso tra Yanukovych e l’opposizione è ancora difficile, fino a quando questa condizione sarà valida.

 

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA