eastwest challenge banner leaderboard

Zambia, già iniziata la lotta per la successione a Sata

Nelle ultime settimane, lo Zambia è stato al centro dell’attenzione dei media africani per le celebrazioni del suo cinquantesimo anniversario dell’indipendenza e soprattutto per la scomparsa del suo presidente Michael Sata, leader del Patriotic Front (PF, il partito al potere), vicino ai sindacati e noto per la sua politica contro le multinazionali cinesi, che gestiscono molte delle miniere di rame del Paese.

Zambia's Vice President Guy Scott (L) listens as U.S. President Barack Obama (not pictured) speaks, at the first Leaders' Session of the U.S.-Africa Leaders Summit, at the State Department in Washington, in this August 6, 2014 file picture. Zambian Vice President Guy Scott has been named the interim leader of Africa's second-largest copper producer, a government minister said on October 29, 2014, a day after President Michael Sata died in London aged 77. Zambia will hold a presidential election to choose a permanent successor to Sata within three months, defence minister Edgar Lungu said. REUTERS/Larry Downing/Files


Nell’ex colonia britannica convivono 73 differenti gruppi etnici neri bantu, pari a circa il 97% dei 14 milioni e mezzo dei suoi abitanti, mentre i bianchi sono solo il 2%. Un dato importante da rilevare perché dopo la scomparsa di Sata, lo Zambia è guidato da Guy Scott, il primo bianco a detenere il potere in uno Stato africano, dopo la presidenza di Frederik De Klerk in Sudafrica, che vent’anni fa sancì la fine dell’apartheid.

Scott, subentrato a Sata lo scorso 30 ottobre, resterà in carica in attesa di tenere nuove elezioni nei novanta giorni successivi alla scomparsa del presidente, ma non potrà candidarsi perché i suoi genitori, originari di Glascow, non sono nati in Zambia e la Costituzione impone che solo uno zambiano con entrambi i genitori nati nel Paese possa essere nominato presidente.

Come aveva previsto l’Economist , lo Zambia ha accolto favorevolmente la nomina di Scott come presidente ad interim, dimostrando un marcato contrasto con i vicini Sudafrica e Zimbabwe, dove le questioni razziali sono ancora al cento di tensioni politiche e sociali. Basti considerare, che le alte sfere dell’African National Congress siano oggi appannaggio quasi esclusivo dei neri, nonostante l’apparente impegno del movimento politico di non cedere a forme di razzismo.

Martin Plaut, ricercatore presso l’Istituto di Studi del Commonwealth dell’Università di Londra, sul New Statesman ha elogiato lo Zambia commentando che il suo esempio dovrebbe essere seguito non solo da Sudafrica e Zimbabwe, ma anche dai tanti Paesi africani che ancora demonizzano la figura dei “colonizzatori” bianchi.

Accoglienze favorevoli a parte, pur non potendosi candidare per la presidenza, Scott ha dato subito inizio alla lotta per la successione al presidente Michael Sata, senza neanche aspettare le esequie.

Lo ha fatto procedendo alla destituzione dall’incarico di segretario generale del Patriotic Front di Edgar Lungu, attuale ministro della Difesa e della Giustizia. Una decisione cui non ha fatto seguito alcuna spiegazione ufficiale e che potrebbe essere stata motivata dall’intento di bloccare le possibilità di Lungu di diventare candidato del PF alle prossime elezioni.

Come prevedibile, la risposta di Lungu alla rimozione voluta da Scott non si è fatta attendere. Sul sito web del Lusaka Times, ha bollato il provvedimento come “illegale”, in quanto infondato sotto il profilo dello statuto del partito, nonché come un atto altamente provocatorio in pieno periodo di lutto nazionale per la morte di Sata.

Lungu ha anche accusato Scott di aver oltraggiato la cultura del popolo zambiano, intromettendosi con azioni che minano la dignità e il rispetto dei funerali del suo presidente. Sull’edizione web dello Zambia Reports, Lungu ha anche imputato a Scott di voler assumere “illegalmente” la presidenza del Patriotic Front per favorire all’interno del partito un “cartello” intenzionato a imporre un candidato alternativo alla presidenza.

Le pesanti accuse e le violente proteste scoppiate in alcune strade di Lusaka, hanno indotto Scott a revocare la destituzione del segretario generale del partito di governo. Così, martedì scorso, l’edizione online del quotidiano The Post, ha dato la notizia ufficiale del reintegro di Lungu alla segreteria del Patriotic Front.

Secondo il giornale, la decisione è stata presa per evitare di far salire la tensione in vista delle imminenti elezioni, che vedono Edgar Lungu tra i possibili favoriti alla successione di Sata, insieme al figlio del defunto presidente, Mulenga, attuale sindaco di Lusaka, all’ex ministro della Giustizia Wynter Kabimba e al ministro delle Finanze in carica Alexander Chilkwanda.

Ma chi tra questi probabili vincitori sarà il prossimo presidente dovrà affrontare sfide come le disuguaglianze sociali e la povertà diffusa, in un Paese che abbonda di risorse agricole e di ingenti ricchezze minerarie come zinco, cobalto, piombo, oro, argento, uranio e soprattutto rame, di cui è secondo produttore mondiale. E che pur non avendo sbocco al mare confina con otto Stati e per questo in grado di garantire l’accesso ai mercati dell’Africa centrale, orientale e meridionale.

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA