eastwest challenge banner leaderboard

Cina, dati economici e fuga di capitali

La Cina ha rilasciato nuovi dati economici, che attestano anche la precedente crescita del 2014 a 7,3. Inoltre, il paese avrebbe registrato un surplus commerciale di 60,24 miliardi di dollari ad agosto, secondo le indicazioni dell'ufficio doganale nazionale. Il dato si attesta oltre le previsioni di un surplus di 48 miliardi di dollari e supera nettamente i 43,03 miliardi di dollari di luglio. Le esportazioni sono diminuite del 5,5 per cento su base annua, superando le aspettative di un calo del 6,6 per cento dopo il calo dell'8,3 per cento nel mese precedente. Le importazioni sono scivolate del 13,8 per cento annuo, contro le aspettative di un calo del 7,9 per cento, dopo aver perso l'8,1 per cento il mese precedente.

Photo credits nytimes.com

Nei giorni scorsi, come riportato dai media nazionali e dalle agenzie di stampa di tutto il mondo, l'Ufficio Nazionale di Statistica ha comunicato che la Cina ha rivisto il suo tasso di crescita economica annuale del 2014 a 7,3 per cento rispetto al dato rilasciato in precedenza del 7,4 per cento.

Il prodotto interno lordo si è attestato a 63,6 mila miliardi di yuan (10 mila miliardi di dollari) lo scorso anno, 32,4 miliardi di yuan in meno rispetto alla stima iniziale, secondo quanto dichiarato dall'ufficio di presidenza sul proprio sito web.

Come riportato dalla Reuters, “L'ufficio ha rivisto al ribasso la crescita del 2014 nel settore dei servizi di 0,3 punti percentuali arrivando così al 7,8 per cento, il che ha contribuito a trascinare verso il basso il tasso di crescita del PIL stimata, prosegue la dichiarazione.

Il settore primario - settore agricolo - è cresciuto del 4,1 per cento l'anno scorso, mentre la crescita del settore secondario, che comprende produzione e costruzioni, è salito del 7,3 per cento”.

Dopo la revisione, il settore dei servizi ha rappresentato il 48,1 per cento del Pil dello scorso anno, in calo dal 48,2 per cento precedentemente annunciato.

Il settore manifatturiero e delle costruzioni ha rappresentato il 42,7 per cento del PIL, mentre il settore agricolo ha rappresentato il 9,2 per cento.

La seconda più grande economia del mondo è cresciuta del 7 per cento nel primo semestre rispetto all'anno precedente - in linea con l'obiettivo del governo per il 2015 - ma recenti dati negativi hanno sollevato il rischio che il governo possa mancare l'obiettivo di crescita dell'intero anno.

A questo proposito negli ultimi tempi si è posto il problema della fuga di capitali, collegato alla recente crisi della borsa e ai dubbi sulla crescita cinese.

Come sottolineato dal Financial Times, “lo scorso mese, Dalian Wanda, una delle imprese cinesi maggiormente rivolte verso l'esterno, ha acquistato l'organizzatore delle gare di Ironman (triathlon) da una società statunitense di private equity per 650 milioni di dollari”.

Un'altra azienda con tendenze e aspirazioni globali, la Anbang Insurance, sembra avere meno probabilità di successo nel suo corteggiamento delle autorità portoghesi “nella speranza di acquistare i resti di un conglomerato finanziario travagliato a Lisbona - proprio perché i cinesi hanno già acquistato così tanti beni lì”.

Il Financial Times, registra anche che “i turisti cinesi continuano a inondare destinazioni come il Giappone, acquistando beni di lusso che sono diventati sempre più economici a seguito del costante apprezzamento della moneta cinese, con l'intenzione di rivenderli a casa per un bel profitto”.

Diversificazione o fuga di capitali? “Per coloro che tracciano i deflussi di capitali dalla Cina, la distinzione non ha molta importanza”, chiosa il Financial Times.

Rimane un dato significativo: nei quattro trimestri fino alla fine del mese di giugno, i flussi in uscita, senza includere il rimborso del debito, hanno totalizzato oltre i 500 miliardi di dollari secondo i dati di Citigroup. “La montagna cinese di riserve estere, una volta intorno ai 4 mila miliardi di dollari è ora scesa a meno di 3.7 e si prevede un ulteriore calo a 3.3 entro la fine dell'anno, secondo il calcolo di Citigroup”.

@simopieranni

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA